FanFiction Bey Blade | Buon Natale, Takao di MarySaeba92 | FanFiction Zone

 

  Buon Natale, Takao

         

 

  

  

  

  

Buon Natale, Takao   (Letta 165 volte)

di MarySaeba92 

4 capitoli (conclusa) - 0 commenti - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaBey Blade

Genere:

Romantico - Fluff

Annotazioni:

Traduzione

Protagonisti:

Kai Hiwatari - Takao Kinomiya - Altri

Coppie:

Kai Hiwatari/Takao Kinomiya (Tipo di coppia «Yaoi»)

 

 

              

  


  

 Capitolo Uno 

La BBA organizza uno scambio segreto di regali per Natale, e il fulcro è quello di rendere il regalo speciale. Cosa succede quando Kai pesca Takao? (Kai/Takao)


  


Ciao, vi propongo una breve fanfiction di 4 capitoli che ho trovato molto carina, adatta all’arrivo delle feste natalizie ^^ non sono affatto una persona che ama il Natale, ma le fanfiction con le mie coppie preferite sono sempre accette!
Buona lettura e grazie a chi vorrà lasciare una recensione.
 
 
Era il periodo natalizio e il quartier generale della BBA, appena ricostruito, era stato decorato con ghirlande e orpelli per le vacanze. Un leggero strato di neve ricopriva il terreno e le strade mentre morbidi fiocchi di neve cadevano dal cielo. All’interno dell’edificio, l’enorme sala banchetti era vivacizzata da chiacchiere mentre si riempiva di tutte le squadre di beyblade di livello mondiale che avevano partecipato ai campionati passati.
Sia giocatori che funzionari erano seduti a tavoli decorati a festa con bastoncini di zucchero e dolcetti per celebrare quel periodo speciale dell’anno.

“Wow, è tutto davvero bello, non vi pare ragazzi?” commentò Hiromi, impressionata dall’atmosfera stagionale e dal fatto che ancora non fosse scoppiata nessuna battaglia di beyblade.
“Sì, il signor Daitenji ha fatto sicuramente un ottimo lavoro!” concordò Takao, sorridendo mentre si accasciava sul suo posto a uno dei tavoli rotondo, rubando un cioccolatino dal centrotavola ornamentale.
“La BBA sembra diventare sempre più popolare e grande ogni anno” aggiunse Kyoju, guardandosi intorno con un sorriso, notando varie squadre come i White Tiger e i Demolition Boys già seduti ai loro tavoli.

Altre squadre cominciarono ad arrivare, c’era un buffet allestito lungo una delle pareti che era stata prontamente attaccata dai blader affamati, creando per un breve tempo un lieve caos. Ora che però la maggior parte delle persone aveva preso del cibo ed era tornata ai propri posti – tranne Daichi – il presidente della BBA decise che era ora di intervenire nel trambusto.
A capotavola, il signor Daitenji si alzò e si schiarì la voce attirando l’attenzione di tutti gli ospiti. “A-ehm! Vorrei ringraziare tutti voi blader di livello mondiale per aver partecipato alla prima festa di Natale della BBA organizzata per radunare i migliori giocatori...”
“Intende dire che questo tipo di feste c’è già stato prima?!” gridò Daichi dal tavolo del buffet, sconcertato, riuscendo in qualche modo a parlare nonostante le deliziose leccornie che aveva in bocca.
“Sì” rispose Daitenji con una risatina, “con l’eccezione che, quest’anno, tutti i giocatori del mondo sono stati invitati, non solo gli allenatori e gli arbitri!” finì l’uomo con un largo sorriso dietro i folti baffi, “per celebrare i campionati del mondo passati, ho pensato che fosse giunto il momento per tutti voi blader di godervi l’allegria del Natale!”
Applausi e grida di approvazione si levarono allora dai vari tavoli del grande salone dei banchetti, e Daitenji sorrise giovialmente, aspettando pazientemente che il frastuono si placasse.
“Ora, come speciale regalo di quest’anno, abbiamo organizzato uno scambio di regali segreto a cui tutti voi potete partecipare” rivelò poi. Mormorii si diffusero tra la folla di blader all’annuncio, e il signor Daitenji si accarezzò i baffi ribelli. “Per quelli di voi che non hanno familiarità con questo gioco, i nomi di tutti i vostri compagni di squadra e delle altre squadre in questa stanza sono stati messi in un cappello”, il vecchio fece un cenno a DJ Man che era in disparte e teneva orgogliosamente in aria un grande cappello di Babbo Natale.
“Ognuno pescherà un foglietto, e chiunque vi capiterà, sarete il Babbo Natale segreto di quella persona. L’idea non è solo quella di comprare un qualsiasi sciocco oggetto, no. Il regalo dovrebbe essere speciale e avere un significato personale e valore”, il signor Daitenji si guardò intorno e vide alcune persone con espressioni incerte, annuì solennemente, un sorriso gentile apparve ancora una volta sul suo viso anziano. “È una sfida, ma penso che tutti voi ne siate capaci. Naturalmente, non dovete partecipare se non lo desiderate...dipende interamente da voi” ridacchiò, le sue parole accesero immediatamente lo spirito competitivo di tutti i blader. “Mi rendo conto che molti di voi torneranno nei rispettivi paesi, ma questa è un’opportunità per promuovere legami più forti tra giovani adulti di talento come voi. Impariate a conoscervi e a tenervi in contatto. Non si sa mai cosa potete perdervi, oltre a un bella partita!”, il capo della BBA rise e i suoi occhi scintillarono dietro la montatura degli occhiali.

Da dov’era appoggiato al muro, Kai Hiwatari alzò lo sguardo.
“Tra due settimane a partire da oggi, siete tutti invitati di nuovo qui per scambiarvi i regali e rivelare la vostra identità come Babbo Natale segreto. Buon divertimento, spero di rivedervi tutti tra due settimane!” terminò allegramente il signor Daitenji, alzando il drink verso tutti, prima di prendere posto.
Il livello di rumore nella sala aumentò di nuovo, le persone si entusiasmarono dalla sfida a sorpresa del Babbo Natale segreto offerta dalla BBA.
Dj Man iniziò a girare intorno a ogni tavolo, lasciando che ognuno scegliesse un nome dal cappello che aveva in mano.
“Il Babbo Natale segreto! Non ci avrei mai pensato!” esclamò Hiromi, sbirciando attraverso la sala dei banchetti dove Julia e Raul della F-Dinasty sceglievano i nomi dal cappello di DJ Man.
“Sì, suppongo che il signor Daitenji stia davvero cercando di promuovere una maggiore sportività dopo i problemi che Volkov ha causato alla BBA qualche tempo fa” si intromise Kyoju, sistemandosi i grandi occhiali, “anche se a volte mi porta a pormi delle domande...” si grattò la testa pensieroso, notando il capo della BBA al tavolo del buffet mentre parlava con Daichi.
“Oh, andiamo ragazzi, è fantastico!” disse Takao con entusiasmo, chiudendo il pugno e sbattendo la mano sul tavolo, “penso di conoscere quasi tutti abbastanza bene, quindi sarà un gioco da ragazzi!” il campione si mise le mani sui fianchi e inclinò la testa, “niente paura!”
“Oh, davvero?” Hiromi fissò il suo amico sempre troppo sicuro di sé, “sai che puoi scegliere solo una persona, vero? E se peschi una persona come...come...”, si guardò intorno e si sforzò di trovare un blader con cui Takao non avesse mai avuto contatti, “oh, non importa...”
“Eheh”, Takao si strofinò il naso.

“Ehi Takao!” lo chiamò qualcuno, e il ragazzo si voltò, sorridendo ai volti familiari.
“Max! Rei!” esclamò, saltando in piedi e salutando i due amici.
“Wow, piano, Takao” sorrise Rei, quasi rovesciando il bicchiere che aveva in mano, sebbene fosse a sua volta felice di rivedere l’amico, dopo essere tornato nella sua città natale in Cina dopo il fiasco della Bega. Takao li lasciò andare i due poterono finalmente respirare di nuovo.
“Ciao Kyoju! E Hiromi!” sorrise ampiamente Max, salutando gli altri con un cenno della mano.
“Ehi Max!” sorrise Kyoju.
“Come va a New York, Max?” chiese Hiromi. Il blader biondo rise e si mise una mano dietro la testa.
“Oh, New York è grandiosa, ma è fantastico essere di nuovo qui per qualche giorno”
“Ancora non ci credo che abbiate scelto di rimanere con gli All Starz e i White Tiger” Takao incrociò le braccia e chiuse gli occhi, mentre tutti lo guardavano chiedendosi se si sarebbe arrabbiato. “Beh, significa che giocherete ancora meglio nei prossimi campionati, eh ragazzi?” sorrise poi e Max e Rei ricambiarono con forza e determinazione.
“Ci puoi contare, Takao!” sorrise Rei con aria astuta, “beh, è meglio che torni dalla mia squadra” disse, indicando con un pollice il tavolo. “Buona fortuna per la scelta del Babbo Natale segreto, ragazzi!”
“Sì, se peschi qualcuno il cui nome inizia con una M e finisce con una X, penso che un nuovo rivestimento per il beyblade sia una buona idea regalo!” rise Max.
“Oh non preoccuparti, me lo segno!” Takao mostrò il pollice in su e Max fece il segno della pace prima che lui e Rei tornassero ai rispettivi tavoli.

“I ragazzi sembrano in forma” sottolineò Kyoju.
“Sì” concordò Takao sorridendo rispetto ai suoi ex compagni di squadra, poi scrutò la grande stanza, i suoi occhi finalmente intravidero una familiare figura in viola e bianco. Sospirando esasperato e appoggiando il capo sulla mano, Takao aveva un’espressione affettuosa sul viso mentre lo rimproverava. “Vorrei che Kai prendesse una decisione a riguardo...”
Kyoju e Hiromi condivisero uno sguardo all’aria scoraggiata di Takao, che il ragazzo cercava di mascherare abilmente con un’espressione del tipo ‘Sono stato ridicolizzato ma sto bene’. Non era un segreto che Takao e Kai, dopo tutti gli eventi dell’ultimo anno, si fossero avvicinati molto. I due erano stati spessi visto insieme da soli per battersi a beyblade, tornando poi con un’aria molto entusiasta. Beh, Takao appriva entusiasta, Kai in genere sembrava perlopiù contento. Ma nonostante la loro relazione fosse di nuovo positiva, lo sfuggente proprietario di Dranzer non aveva dato alcuna indicazione che avrebbe giocato nella squadra dei BBA Revolution in vista di un altro torneo.

-Penso di poter capire il perché- pensò Kyoju, voltandosi per dare un’occhiata anche a Kai, -Kai ha sempre voluto scontrarsi da solo contro Takao, e quale modo migliore che essere effettivamente il suo avversario!- sorrise ampiamente mentre Kai, percependo che qualcuno lo fissava, alzò lo sguardo bruscamente cogliendo Takao con le mani nel sacco. Takao diventò rosso e si tese, distogliendo lo sguardo con uno sbuffo. Kyoju sosse la testa, divertito. Dubitava che Takao l’avrebbe vista in quel modo.
“Ehi, voialtri!” sorrise DJ Man, saltando fuori dal nulla al tavolo dei BBA Revolution, “è ora di scegliere per chi diventerete schiavi d’amore per le prossime due settimane!”
“Schiavi d’amore?!” esclamarono Takao, Kyoju e Hiromi con facce inorridite.
“Oh, sto solo scherzando” l’uomo strizzò l’occhio e rise di cuore per l’attuale somiglianza di Kyoju con un pomodoro. Scosse il cappello di Babbo Natale e lo tese perché i tre pescassero i foglietti. Ognuno di loro ne scelse uno e DJ Man si allontanò a grandi passi verso un altro tavolo.
Senza dire una parola, Kyoju aprì il suo foglietto e, senza farlo vedere agli altri due, le sue sopracciglia si sollevarono oltre l’attaccatura dei capelli, dietro la sua spessa frangia.
“Mmh...” Hiromi guardò rapidamente per chi avrebbe dovuto fare da Babbo Natale segreto. Gli occhi della ragazza si allargarono considerevolmente e si premette un dito sulle labbra in una riflessione improvvisa.
“Mmh, chissà chi ho preso...” disse Takao ad alta voce, grattandosi la testa prima di aprire il suo foglietto. “Kyoju?!” sbottò dopo aver letto il nome scarabocchiato. Diversi altri blader guardarono il loro tavolo con espressioni curiose. Takao si guardò intorno in agitazione, “Cosa c’è?”
“Oooh...” Kyoju gemette e si portò una mano sulla fronte, “non dovresti dirlo ad alta voce, Takao!” lasciò cadere la testa sulla tovaglia bianca, “per questo si chiama Babbo Natale segreto...” borbottò sottovoce per non farsi sentire.
“Uh...” disse Takao comprendendo, gli occhi sbarrati e una goccia di sudore che gli cadeva dalla testa, “beh non è colpa mia se l’ho detto prima di pensare!” si vantò, ripiegando il foglietto prima di sbuffare mentre lo infilava nella tasca della giacca.
“Perché non sono sorpresa?” sospirò Hiromi drammaticamente e incrociando le braccia, reclinandosi sulla sedia. Takao le lanciò un’occhiataccia.
“Beh, tu chi hai pescato?”
“Takao! non te lo dico!” protestò Hiromi, mettendo le braccia davanti al petto e alzando il naso in aria in risposta.
“Uh!” gli occhi di Takao si spalancarono per quel gesto di palese rifiuto.
“Mpf!” Hiromi girò la testa nella direzione opposta così velocemente da poter essere vittima di un colpo di frusta. “Nemmeno in un milione di anni!” si infuriò, con una piccola sfumatura di rosso sul naso.
“Tsè, qual è il tuo problema...” Takao sbatté le palpebre, confuso, poi guardò Kyoju. “E tu, Kyoju?”
“Ah no, Takao, non te lo dico!” disse Kyoju trionfante, già facendo a pezzi il suo foglietto e lasciandoli cadere nel suo bicchiere d’acqua.
“Oh?!” esclamò Takao shockato. I suoi caldi occhi scuri saettarono tra i due sospettosamente, ma poi si arrese, stravaccandosi sulla sedia con un largo sorriso. “Grandioso, significa che devo trovare una ragazza a Kyoju per Natale”
Gli occhiali di Kyoju gli volarono via dalla testa. “TAKAO!”

Dalla sua postazione contro il muro, Kai aveva una buona visuale di tutti i blader e degli impiegati alla festa di Natale della BBA. Aveva avuto dei dubbi sul partecipare, ma poi aveva deciso che non poteva essere così male. Ora quei dubbi erano tornati con la menzione del gioco del Babbo Natale segreto che il signor Daitenji stava pubblicizzando. Non era mai stato uno da festeggiamenti natalizi, ritenendoli una scusa elaborata per oziare un’intera settimana o due e ricevere regali costosi.
Gli occhi di Kai si posarono su un tavolo specifico nella sala banchetti della BBA, e vi si soffermarono per un po’.

-Takao...- pensò, distinguendo facilmente il campione dalla folla. Sembrava che il suo ex compagno di squadra avesse già scelto di partecipare al gioco e avesse tirato fuori il nome della persona un paio di istanti prima. Un debole sorriso attraversò le sue labbra e guardò in basso, il sorriso divenne sghembo. –Avrei dovuto immaginarlo che l’avrebbe presa come una sfida-.
Sentendo dei passi accanto a lui, Kai alzò lo sguardo e vide DJ Man.
“Ecco a te!” annunciò allegro l’uomo, presentando platealmente il cappello di Babbo Natale contenente ciò che restava dei nomi. Kai guardò nel cappello con lieve indecisione. Voleva davvero esserne coinvolto? Le probabilità era che si sarebbe ritrovato con qualcuno totalmente irrilevante per lui e sarebbe rimasto bloccato in una completa perdita di tempo. Ma...per tentare il destino, forse avrebbe potuto tirare fuori il proprio nome e risparmiare il disturbo a qualcun altro.
Sospirando tra sé, il proprietario di Dranzer allungò una mano e prese un pezzo di carta casuale dal cappello rosso e bianco.
“Buona fortuna!” disse DJ Man, allontanandosi per dare alle ultime persone la possibilità di pescare.
Fissando il foglietto in mano, le sopracciglia chiare di Kai si unirono, preparandosi al peggior risultato possibile. Lo spiegò.

Takao.

Qualcosa nel petto di Kai si mosse leggendo il nome, ed espirò lentamente, l’implicazione di quanto era sul foglietto si stabilì nel suo stomaco come i fiocchi di neve che cadevano dolcemente all’esterno. Kai guardò il ragazzo che ora stava ridendo e trangugiando grandi quantità di zabaione. Se si fosse trattato di chiunque tranne Takao, non si sarebbe nemmeno preso la briga di scoprire cosa volesse in regalo, ma...doveva sempre essere l’unico che riusciva ad arrivare a lui, no?

“Salve, Kai!” lo salutò il signor Daitenji, allontanandolo dai suoi pensieri, “allora, ti stai godendo i festeggiamenti?” lo interrogò, notando la sua espressione preoccupata.
Kai voltò il capo e la sua voce era leggermente accusatorio, anche se non sembrava arrabbiato. “Ho la strana sensazione che lei abbia organizzato tutto apposta”
“Oh?”, Daitenji inarcò le sopracciglia cespugliose. Kai, senza dire nulla, porse il foglietto all’uomo per fargli leggere il nome.
“Ah, capisco...” disse il capo della BBA, appoggiandosi pensieroso al suo bastone, “non dovresti essere così preoccupato, ragazzo mio”, gli rivolse uno sguardo d’intesa e ridacchiò. “Sono sicuro che saprai cosa regalare a Takao, stando nei tempi” terminò, annuendo e lasciando il ragazzo nuovamente solo.
Kai osservò il vecchio andarsene prima di volgere lo sguardo ancora una volta su Takao.

-Se solo riuscissi a capire cosa...-

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.