FanFiction City Hunter | Pensieri... di Lunasyriana | FanFiction Zone

 

  Pensieri...

         

 

  

  

  

  

Pensieri...   (Letta 661 volte)

di Lunasyriana 

5 capitoli (in corso) - 0 commenti - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaCity Hunter

Genere:

Fluff - SongFic - Romantico

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Ryo Saeba - Kaori Makimura - Mick Angel

Coppie:

Ryo Saeba/Kaori Makimura (Tipo di coppia «Generic»)

 

 

              

  


  

 Rinascere 

Il dolore di una donna per la perdita dell'uomo amato. La forza di elaborare un lutto e affrontare un nuovo domani.


  

"Se vuoi andartene, devi andartene.

Si tratta della tua vita e devi viverla nel modo che vuoi." 

Murakami Haruki, L´uccello che girava le viti del mondo




31 marzo 1987


Perchè, perchè mi hai lasciato? Non dovevi morire. Non adesso che io…che io ho capito cosa provo per te.

Sono arrabbiata con te. Mi hai lasciato da sola. E adesso che cosa ne sarà di me? 

Sono qui inginocchiata sulla tua lapide a piangere come una bambina. Non mi sono neanche accorta che piove a dirotto. Sono sola. Eri la mia spalla. Il mio punto di riferimento. Quando hai lasciato la polizia ho provato un senso di vuoto. La tua scrivania è rimasta vuota per mesi. Ho rinunciato ad avere un altro partner. Volevo solo te e, l’ho capito troppo tardi.

Ho visto tua sorella. Non ho avuto il coraggio di parlarle. Se ne andata. Ryo era con lei. Deve essere molto coraggiosa. Non ha versato una lacrima al contrario di me. 

Mi hai lasciata sola Hide. Ti sei fatto ammazzare e io non ho potuto vendicarti. 

Sono rimasta ligia alle regole. Quelle stupide regole che mi hanno impedito di amarti. 

Perchè Hide? Sono sola. Completamente sola. Io ti volevo bene. Volevo innamorarmi di te. Sei stato la mia roccia durante l’accademia. Il mio primo partner nel lavoro. Il mio migliore amico. 

E adesso… adesso sono sola. 

Perchè non mi ti ho detto quello che provavo? Perchè mi sono lasciata infatuare da Ryo? E’ tutta colpa vostra… 

No, la verità è che la colpa è tutta mia. Sono stata indecisa. Volevo entrambi e adesso non ho nessuno dei due. 

Come farò a rialzarmi? Come farò ad affrontare le mie giornate? Rispondimi! 



31 marzo 1988


Ciao Hide. E’ passato un anno e il tempo sta alleviando parte del mio dolore. Il dolore di averti perso senza aver provato a essere felice con te.

Ho conosciuto tua sorella. E’ diventata l’assistente di Ryo. Lo immaginavi vero? Credo che lei sia innamorata di quello zuccone. E credo che anche Ryo nutra qualcosa di forte per lei. Dimmi tesoro tu lo sapevi? Per questo le l’hai affidata? 

Con diverse scuse ho ripreso a frequentare casa Saeba. Mi era mancato quel suo lato demenziale. Mi fa ridere e mi sento meglio. Ho provato a capire i miei sentimenti. Rimango legata a te. Vorrei andare oltre, ma non ci riesco. Nessuno mi sembra alla tua altezza. Incontro solo uomini banali, egocentrici e troppo sicuri di se in quel modo così narcisistico. Non li sopporto proprio. Tu eri diverso. Avevi quell’umorismo inglese che mi lasciava sempre disarmata. Avevi un animo delicato e deciso. Un uomo riflessivo e dolce. Sono stata proprio un’idiota a perdere tempo a scegliere. Eri solo tu l’uomo giusto per me.


31 marzo 1989


Un altro anno è passato. Uguale all’altro. Tra alti e bassi. Tra casi facili e difficili; per quest’ultimi mi aiuta Ryo. Kaori sta diventando una bellissima ragazza. E’ forte e coraggiosa. Saresti stato orgoglioso di lei. Riesce a tenere testa a quel fannullone. Ha una tenacia e una grinta che le invidio alcune volte. Se sapesse come invidio la sua voglia di reagire alle avversità… lei mi considera una rivale. Non ha ancora capito che lui è cotto e il nostro gioco delle bottarelle è appunto un gioco. Un gioco che ci permettiamo per dimostrarci che siamo vivi ed è un falso pretesto per costringermi ad andare avanti. Ryo l’ha capito. Mi sento ancora legata a te. 

Ogni tanto cerco di far capire a quello zuccone che non deve farsi prendere dalle paure e accettare i suoi sentimenti per Kaori. Ma lo conosci, stare serio per 5 minuti è un’impresa titanica. 


31 marzo 1990


Hide mi sento sola. Mi manchi. Oggi piove come quel giorno in cui ti ho detto addio. Oggi non ho niente da dirti. Sto fallendo la mia vita. Non riesco ad andare avanti. Non voglio. Voglio averti accanto. Sono arrabbiata come quel giorno. Vorrei urlare. 

Stasera Miki ha organizzato una festa di compleanno per Kaori. Sarebbe una bella idea se non fosse anche il giorno della tua morte. Mi fa ridere questa cosa. Oggi festeggiamo la vita e la morte. Tua sorella non era molto entusiasta, ma non voleva deluderla. E’ sempre così generosa e benevola,  trova sempre il buono in ognuno di noi. E’ così speciale che è riuscita a riunirci in una strana famiglia. In situazioni normali, la metà sarebbe in galera e l’altra al cimitero. Tuttavia tua sorella ha una carica positiva che coinvolge tutti. A volte è puro balsamo per le nostre anime perdute e ferite.


31 marzo 1991


Ciao tesoro. Quest’anno è stato difficile. Ho incontrato un uomo, un poliziotto, che fisicamente ti assomiglia. Appena l’ho visto, ho pensato fossi tu e invece… Kaori ha capito subito che non eri tu. Era un agente venuto per arrestare Ryo. Come sempre alla fine abbiamo salvato capre e cavoli.

Per un momento il mio cuore ha ripreso a battere. È un uomo interessante, ma non è  te. Nessuno sarà come te. Nessuno riuscirà a colmare il vuoto che mi hai lasciato.

Tua sorella continua a essere fantastica. Ryo è sempre più innamorato di lei, ma non vuole esporsi. Ha paura. Lo capisco. Ma spero vivamente che non faccia il mio stesso errore. Non deve vivere nel rimpianto come sto facendo io.


31 marzo 1992


Eccomi di nuovo al nostro appuntamento fisso. Un altro anno, un’altra primavera. Mi sento inquieta. Il mio sesto senso mi dice che sta arrivando una tempesta. Non so quando arriverà e chi colpirà. Sento quella strana inquietudine come quella sera di 5 anni fa. Cinque anni senza di te. Spero di non dover dire addio a qualcun altro, non lo sopporterei. Basta morte, basta dolore. 

Mio padre e Reika cercano di farmi conoscere degli uomini. Non ne posso più. Non hanno capito niente. Lo so. Lo fanno per me. Ma non sono interessata. Rimarrò sola. Comincio a farmene una ragione.


31 marzo 1993


La tempesta è arrivata amore mio. Ci stiamo preparando. Kaori ha chiesto alla nostra famiglia di aiutarla. Il suo amore per Ryo è enorme. Ha tenuto testa al sicario venuto per ucciderlo. Ha preso le armi e lo ha sfidato. E’ arrivata anche una donna dal passato di Ryo. Ha cercato di mettere zizzania tra lui e Kaori. Ma tua sorella ha accettato una parte della verità e del passato di Ryo. E’ davvero coraggiosa. Sta affrontando tutto a testa alta.

Ryo dice che dopo il fallimento di Mick qualcun altro arriverà. Mi ha parlato di suo padre. Ho le mani legate. L’unica cosa che posso fare è fornirgli più informazioni ufficiali e ufficiose che posso; anche se la voglia di agire in prima persona è molto forte.


31 marzo 1994


Che anno Hideyuki! Abbiamo eliminato la Union Teope. Ha ucciso suo padre. E’ stato un miracolo se ne sono usciti vivi. Kaori è rimasta sempre al suo fianco, anzi sembra che sia stata determinante. 

Adesso ci stiamo preparando per il matrimonio di Miki e Falcon. Lei è riuscita a convincerlo. Chissà che i prossimi non siano propri i nostri amici. Si amano alla follia quei due e sembra che finalmente Ryo si sia deciso ad affrontare i suoi sentimenti. Continua a fare lo sciocco. Ma ho capito il suo gioco, un pò infantile, ma cosa ci vuoi fare è fatto così.

Sento una strana sensazione di libertà e leggerezza. E’ passato così tanto tempo dall’ultima volta in cui mi sono sentita così.

Che mi senta pronta per riprendere in mano la mia vita? Sono pronta a innamorarmi? Vorrei che mi rispondessi ogni tanto. 

Una folata di vento mi scompiglia i capelli. E’ la tua benedizione? 


31 marzo 19xx


Scusami amore mio non sono più venuta a trovarti quanto spesso come avrei voluto. Dovresti essere arrabbiato con me. Lo capirei. Ma forse ho il modo di farmi perdonare.

Sai sono successe molte cose dall’ultima volta. Miki e Falcon si sono sposati in un luogo bellissimo. Purtroppo abbiamo avuto a che fare con l’attacco di un commando che, manco a dirlo, è stato sgominato dallo sposo e da Ryo. Avendo preso in ostaggio Kaori era quasi scontato. Non trovi? Secondo me è successo qualcosa che ha spinto finalmente Ryo, perchè quando ci hanno raggiunti alla chiesa camminavano mano nella mano. Inutile dirti che ho dovuto creare un’identità al nostro amico. Ha reso tua sorella una donna onesta e una dolce mamma. Lui ha finito con i bollenti spiriti o almeno sono rivolti palesamente a Kaori. Sai hanno chiamato il loro primogenito Hideyuki e presto arriverà Shan-in. Sono emozionata, perchè hanno scelto me come madrina. 

Chissà se lo avrai notato, ma… ecco… anch’io ho trovato qualcuno con cui condividere la mia casa. Sai non mi sarei mai aspettata un tale epilogo visto che quando ci siamo conosciuti era proprio lontano da me. Poi conoscendolo meglio è quell’unione caratteriale e fisica di te e Ryo. Peccato che all´inizio fosse impegnato, quindi non ci ho proprio messo pensiero, poi le cose non sono andate come dovevano. Pian piano un pò per gioco, in fondo è Ryo in versione americana, un pò seriamente abbiamo scoperto che potevamo riaprire le porte dei nostri cuori. Mick è un uomo fantastico, passionale e attento a tutte le mie esigenze e poi, cosa non da poco, capisce il mio lavoro. Quanto conti per me. Lui riesce a capire i miei stati d’animo con uno sguardo. Mi capisce come riuscivi a fare tu. Sai per qualche tempo ho provato un senso di colpa nei tuoi confronti. Non era giusto tornare ad amare, ma poi ho capito che dovevo lasciarti andare. Dovevo elaborare il mio lutto. 

In questo Mick è stato paziente e comprensivo. In fondo anche lui elaborava l’abbandono di Kazue. Lei ha preferito una vita più tranquilla a quella di Shinjuku.

Sai, ormai i ciliegi sono quasi tutti in fiori. E’ uno spettacolo magnifico. Erano anni che non mi godevo la loro bellezza. Vorrei averla potuta godere con te tutta questa vita. Avrei voluto pianificare il nostro futuro insieme. Avrei voluto comprare la casa dei nostri sogni. Avrei voluto arredare la camera dei bambini. 

Perdonami Hide. 

Ti amerò per sempre, ma sento il bisogno di andare avanti.

Arrivederci amore mio. 

Tornerò. Torneremo.

A malincuore mi lascio la tua tomba alle spalle. 

All’uscita vedo Mick che mi aspetta appoggiato al cofano della macchina. Sta fumando. Lo fa sempre quando è preoccupato. Ignorare quello che sto provando in questo momento lo rende vulnerabile. Rasenta quasi un maniaco del controllo. Gli vado incontro sorridendo.

Il vento continua a farmi svolazzare qua e la i capelli e una ciocca mi colpisce un occhio. Comincio un pò a lacrimare e mentre mi giro un attimo per riprendere in mano la situazione alzo lo sguardo e ti vedo seduto sulla tua lapide che mi guardi. Stai sorridendo sereno. Mi fai un saluto con la mano e vedo le tue labbra muoversi. Un colpo di vento e alle mie orecchie sento queste parole: ti amerò per sempre mia dolce Saeko. Sii felice.



     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.