FanFiction City Hunter | Incubi dal passato di Lunasyriana | FanFiction Zone

 

  Incubi dal passato

         

 

  

  

  

  

Incubi dal passato ●●●●○ (Letta 823 volte)

di Lunasyriana 

8 capitoli (conclusa) - 2 commenti - 2 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaCity Hunter

Genere:

Romantico

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Ryo Saeba - Kaori Makimura

Coppie:

Ryo Saeba/Kaori Makimura (Tipo di coppia «Generic»)

 

 

              

  


  

 La mostra 

A volte basta uno sguardo, a volte basta una parola per essere felici


  

CAPITOLO 1


Era una giornata di fine ottobre e Kaori come ogni giorno era alla stazione di Shinjuku a controllare la tabella degli annunci.

“Anche oggi niente lavoro. Uff!!” disse sconsolata

Erano diverse settimane che non si vedeva l’ombra di un cliente. Se solo Ryo si fosse degnato di accettare incarichi anche dagli uomini. Se solo Ryo si fosse fatto pagare da Saeko. Se solo Ryo non fosse Ryo….

Sempre più sconsolata Kaori si apprestava a rincasare, quando la sua attenzione su catturata da un operaio che attaccava un manifesto di un mostra. Il manifesto annunciava l’opening per la sera stessa di una mostra fotografica del grande fotografo William Russell, reporter di guerra. L’evento, attraverso gli scatti, documentava i numerosi conflitti in giro per il mondo nell’arco di 30 anni. 

Kaori leggeva attentamente il manifesto finchè la sua attenzione non fu catturata da una foto in secondo piano. Si avvicinò abbastanza da notare un ragazzino insieme ad altri omoni vestiti in tute militari. Dovette trattenere un urlo di meraviglia. Quel ragazzino era Ryo. Lo avrebbe riconosciuto tra mille. Purtroppo la foto era piccola per cogliere tutti i dettagli. Perciò si ripromise di partecipare all’opening. Tuttavia pensava che fosse meglio lasciare il suo socio all’oscuro.

Intanto a casa Ryo stava ancora dormendo. Come al solito aveva fatto tardi nei suoi soliti locali notturni e come al solito si era intrattenuto a bere e a farsi ammaliare dalle conigliette. E pensare che ormai erano 7 anni che non le toccava… da quando c’era Kaori le sue erano solo finte.

Ryo era a  letto che si rigirava. Stava aspettando la sua socia. Nonostante il modo irruento e fino mai violento con cui lei lo svegliava, quella routine gli piaceva. Anzi faceva apposta a provocare Kaori. 

“Ryoooooo” disse Kaori entrando nella stanza “Ryo!!, Svegliati!!! Sono già le 11 passate e stai ancora dormendo??!!! Cosa devo fare con te???!!” e detto questo sfoderò uno dei suoi martelloni e sfracellò al suolo il mezzo addormentato. 

Kaori uscì sbuffando “Vado a prepararti qualcosa da mangiare”, poi si soffermò sulla porta e abbozzò un sorriso nella direzione del socio. Gli era tornata in mente la foto del manifesto. Quella sera avrebbe scoperto qualcosa in più sull’uomo che amava.

Ryo arrivò in cucina trascinando i piedi. L’odore del caffè e del bacon lo accolse. 

“Kaori dovresti essere più gentile con il tuo socio!!” si lamentò lui “Sono stato in giro tutta la notte a trovare qualche lavoretto.” detto ciò assunse una faccia da maniaco tale che qualsiasi cosa avesse detto di buono passava in secondo piano. Un martellone da 1000t gli piombò sulla testa, incastrandolo nel pavimento. 

“Dovrei crederti???!!!” gli urlò Kaori “Lo sappiamo entrambi che ti sei ripassato tutti i bar del quartiere e anche le conigliette!” lei lo guardò con gli occhi infuocati di odio e gelosia

“Ma nooo!! Ti giuro Kaori che non è vero” cercò di difendersi l’uomo.

“Senti non ho proprio voglia di continuare a litigare. Ho da fare.” dicendo questo cominciò a salire per riassettare le stanze. 

Era in cima le scale e voltandosi disse “Stasera esco”.

Per poco il boccone non andò di traverso a Ryo. Kaori usciva??!!! Possibile??!!! Voleva vederci chiaro. Non che ci fosse niente di male, ma con chi usciva? Dove andava? Insomma voleva sapere tutto.

Ryo si avventurò con tutta la calma che poteva avere in quel momento su per le scale.

“Kaoriiiii, scusa cosa hai detto?!”

“Ti ho detto che stasera ho un impegno… c’è l’opening di una mostra fotografica giù in centro. Probabilmente ci andrò da sola oppure chiedo a Miki. Non lo so ancora”

“Una mostra fotografica??!!” l'uomo guardò con aria interrogativa, anche se la sua faccia stava assumendo i connotati da irriducibile maniaco. Ovviamente nell’attimo stesso in cui assunse tale posa un enorme martello da 200t lo incastrò nel muro.

“No, Ryo non ci sono donne nude o cose simili… è una mostra su…. “ non sapeva cosa inventarsi “Una mostra su animali della fattoria e simili….”  Che razza di cavolata aveva detto. Intanto il socio si era staccato dalla parete. “Cosa???!!! Vai a vedere che cosa???!! “ Ryo scoppiò a ridere fragorosamente, talmente tanto che con le lacrime agli occhi si rotolò per terra. Kaori lo guardò sconfortata, ma non poteva certo dirgli la verità. Fece la faccia offesa e continuò con le sue faccende.


A metà pomeriggio decise di andare al Cat’s Eye. Voleva parlare a Miki della mostra. Così poteva sia invitarla che chiederle consiglio. Quello che non aveva previsto era Ryo.

“Ryo vieni anche tu?!” gli chiese Kaori, credeva che si sarebbe rimesso a dormire oppure sarebbe uscito a importunare qualche donzella.

“Certo. Voglio vedere la dolce Miki” faccia da maniaco e conseguente martellone sulla testa.

“UFF!!! Certo che ogni tanto potresti anche accorgerti che vivi con una donna” pensò Kaori mentre si dirigeva a grandi passi verso il locale dell’amica.

“Ciao Miki!!!” disse entrando “Ciao Kaori! Ryo?” rispose l’amica mentre vedeva il marito che con una padella colpiva in pieno volto lo sweeper. Se Ryo non si fosse fiondato ad angelo sulla povera MIki avrebbe evitato il mal di testa…

“Miki stasera hai da fare?” chiese impulsivamente Kaori “Non mi sembra, come mai??” 

“Beh...ci sarebbe una mostra fotografica in centro…” Kaori non sapeva continuare… “AHAHAHA, Kaori ti vuole portare ad una mostra di animali” rise sguaiatamente Ryo “Una mostra di cosa??!!” chiese Miki sgranando gli occhi “Cosa significa??” Kaori diventò di tutti i colori e non sapeva come uscirne. Per sua fortuna Umibozu venne in suo aiuto “Ah si, Miki. C’è quella mostra in centro ci hanno portato oggi il volantino ricordi??” Miki si girò verso il marito con un grande punto interrogativo sul viso. Umi cercava di farle capire qualcosa. Così per togliere di impaccio amica e marito fece finta di capire tutto e acconsentì ad andare con Kaori a questa fantomatica mostra sugli animali.

Ryo fiutava la bugia. Aveva due opzioni o sprecare una serata andando dietro alle due donne oppure aspettare che la sua socia dicesse la verità cosicché lui potesse andare a divertirsi. Ovviamente scelse la seconda opzione.

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.