FanFiction 30 seconds to mars | Hurricane di VioEnkeli | FanFiction Zone

 

  Hurricane

         

 

  

  

  

  

Hurricane   (Letta 1600 volte)

di VioEnkeli 

13 capitoli (conclusa) - 0 commenti - 0 seguaci - Vietata ai minori di 16 anni

    

 

Sezione:

Artisti musicali30 seconds to mars

Genere:

Fluff - Romantico

Annotazioni:

Lemon

Protagonisti:

Jared Leto - Melanie Taylor - Shannon Leto

Coppie:

Jared Leto/Melanie Taylor (Tipo di coppia «Het»)

 

 

              

  


  

 02 ~ From Yesterday 

«Non sentite? È From Yesterday»


  

«Eccoci qui» Shannon inspirò a fondo l’aria fresca che si respirava in quella zona immersa nel verde. Sembrava improbabile che ci fosse una scuola da quelle parti, ed invece eccola lì, che si stagliava davanti a loro, imponente e bellissima.
«Non sei un po’ troppo entusiasta?» gli chiese Jared, che ancora non aveva ripreso il buonumore.
Tomo ridacchiò. «Sei cascato dal letto questa mattina? Sei più acido del solito»
Jared gli fece un gestaccio. Shannon rise e si attaccò al campanello. Poco dopo, una donna di mezza età si presentò a loro. «Buongiorno, sono la preside Bouvier, benvenuti. Accomodatevi»
I tre entrarono e rimasero in attesa in un lungo corridoio mentre la donna era al telefono con un insegnante.
Dopo una decina di minuti, apparve un’altra donna che andò loro incontro col sorriso sulle labbra. «Benvenuti, vi stavamo aspettando. Lasciate pure i vostri bagagli, qualcuno penserà a portarli nelle vostre stanze. Se volete seguirmi, vi faccio fare un piccolo tour della scuola» Iniziò a camminare, seguita dai tre che si guardavano intorno curiosi. «Io sono Miss Christie, l’insegnante di canto»
«È lei che ci ha contattati, vero?» chiese Jared, ricordando il nome della donna.
Lei sorrise. «Esatto»
«Può spiegarci di cosa si tratta, con esattezza?» chiese Shannon, curioso.
«Ecco, io e gli altri insegnati, naturalmente col benestare della preside Bouvier, volevamo fare un regalo ai nostri ragazzi per l’impegno dimostrato durante l’anno scolastico. Uno spettacolo con ospite un famoso gruppo musicale. Dopo varie ricerche tra gli studenti, voi siete risultati come i preferiti» spiegò Miss Christie.
Tomo fece un sorrisetto compiaciuto. «Siamo forti insomma»
Shannon ridacchiò, ma Jared lo zittì. «Ehi, che ti prende?»
Jared lo zittì nuovamente. Una musica famigliare gli era giunta alle orecchie. «Non sentite? È From Yesterday» mormorò.
Miss Christie annuì. «Sono Melanie e i suoi amici»
«Melanie???» chiesero in coro i Mars.
«Sì. È la nostra studentessa migliore. Le sue doti canore sono eccezionali» spiegò l’insegnante.
«Può portarci da loro?» chiese Jared, incuriosito dal fatto che fosse una ragazza a cantare.

Melanie si riavviò i capelli mentre poggiava la bottiglietta d’acqua a terra. «Okay ragazzi, ricominciamo. Grinta eh» incitò i suoi compagni. «He’s a stranger to some, and a vision to none...»

Jared e gli altri, furono accompagnati fino ad una grande sala prove. Proprio lì, tre ragazzi erano impegnati a suonare la loro musica. Della cantante, videro solamente una cascata di lucenti boccoli corvini.
«From yesterday, it’s coming. From yesterd… Accidenti Tommy, che diamine ti prende???» sbottò la ragazza, quando Thomas smise improvvisamente di suonare.
Notando lo sguardo fisso davanti a sé, Melanie si voltò per capire che gli fosse preso. Due occhi, di un azzurro intenso, la stavano fissando. Gli occhi di Jared Leto.
«Signorina Taylor, ragazzi, questi sono i Thirty Seconds to Mars, come già saprete. Sono appena arrivati» esordì Miss Christie, smorzando l’imbarazzo creatosi nella sala prove.
I ragazzi corsero verso i musicisti che, sorridenti, fecero loro i complimenti. Melanie rimase immobile ad osservarli da lontano. Erano davvero lì. Quella poteva davvero essere la sua grande occasione.
«Ragazzi, tra mezz’ora avete lezione, è meglio se tornate nelle vostre stanze. Signorina Taylor, lei per oggi è libera. Pensa di potersi occupare dei nostri ospiti?» chiese l’insegnante, con uno sguardo che lasciava intendere che non erano ammesse risposte negative.
Melanie annuì, accennando un sorriso. «Ma certo, Miss Christie»
La donna ricambiò il sorriso. «Molto bene. Signori, vi lascio nelle mani della signorina. A più tardi»
I tre la salutarono con cortesia. Melanie sbuffò. Era stata incastrata. «Vi spiace aspettarmi qui solo per un minuto?» chiese poi ai tre che, immediatamente, annuirono lasciandola passare.
In meno di un secondo si era chiusa in bagno, lasciando i Mars da soli nella grande sala prove.

«Allora...» cominciò Shannon. «Che ne pensiamo della giovane???» chiese, lanciando un’occhiata indagatrice al fratello.
Tomo fece spallucce. «Brava sembra brava»
Shannon annuì. «Ed è pure molto carina. No?????» tentò di nuovo, scrutando Jared che non aveva ancora aperto bocca.
«Non saltiamo a conclusioni affrettate. Non abbiamo ancora conosciuto gli altri studenti» disse lui, evitando volutamente le provocazioni del fratello.
Certo che quella ragazza era brava. Lo era davvero. Ed era anche carina. Molto carina. Ma lui era lì per fare uno spettacolo, non per flirtare con una ragazzina. Certo, quei lunghissimi capelli neri, i grandi occhi scuri, la bocca carnosa e quel corpo tutto curve, erano difficili da non notare, ma lui era un professionista e lei era una studentessa.
«Rieccomi. Scusate se vi ho fatto aspettare» Era apparsa dal nulla. Jared le sorrise per tranquillizzarla, ma quando lei rispose al suo sorriso, fu lui a non sentirsi più tanto tranquillo. Per un attimo, sperò ardentemente che lei non lo trovasse nemmeno minimamente interessante se non sotto il punto di vista professionale.
«Ehm... Melanie, giusto?» azzardò Tomo. La ragazza annuì. «Tu hai idea di dove possano essere le nostre stanze? Io vorrei farmi una doccia, se per te non è un problema»
La ragazza ridacchiò. «Assolutamente. Seguitemi» Li accompagnò al terzo piano della struttura. «Questo è il dormitorio degli insegnanti. Laggiù in fondo ci sono le camere degli ospiti»
In meno di un minuto, i Mars avevano sistemato le loro cose. Shannon e Tomo si erano eclissati. Jared li maledisse mentalmente per averlo lasciato solo.
«Vuoi fare un giro per la scuola? Immagino che Miss Christie non vi abbia fatto vedere molto» ipotizzò la ragazza, spezzando i suoi pensieri.
Il cantante scosse la testa. «Preferirei uscire, se non ti crea problemi»
«Certo che no. C’è un bellissimo parco dietro la scuola. Vieni, ti faccio vedere»
Sembrava così tranquilla e a suo agio. Nessun’altra ragazza si era mai comportata così, in sua presenza. La cosa lo tranquillizzò. Forse, dopo tutto, non sarebbe stato poi così difficile resistere alle tentazioni.

 

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.