FanFiction Miraculous Ladybug | Per te di E_c_h_o | FanFiction Zone

 

  Per te

         

 

  

  

  

  

Per te   (Letta 1310 volte)

di E_c_h_o 

1 capitolo (conclusa) - 0 commenti - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Fumetti e CartoniMiraculous Ladybug

Genere:

Introspettivo - Drammatico

Annotazioni:

What If

Protagonisti:

Gabriel Agreste

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Per te 

Voglio quel potere assoluto, Nooroo. Voglio questi due Miraculous. Ma, Maestro, non sappiamo dove si trovino...


  

Titolo: Per te
Personaggi: Gabriel Agreste
Genere: introspettivo, generale
Rating: G
Avvertimenti: oneshot, what if...?
Wordcount: 952 (Fidipù)
Note: Il 10 marzo 2016 postai il primo capitolo di Miraculous Heroes e diedi il via a quella che è diventata la mia saga principale su questo fandom: quando misi quel capitolo online, non pensavo che quella storia sarebbe diventata così importante per me, era semplicemente un modo per fare qualcosa su un'opera che mi aveva conquistata e sulla mia coppia preferita; ma, più andavo avanti, più i capitoli si sommavano l'uno con l'altro e più io sentivo che non sarebbe finita lì...mentre scrivevo la fine della storia, oltretutto, mi rendevo conto che non sarei stata capace di abbandonare subito i personaggi di quella storia e quindi, ciò che doveva essere una semplice storia, si è trasformata in qualcosa di più: all'inizio una semplice trilogia, poi sempre più parti si sono unite e hanno creato un universo, che ho iniziato a esplorare: il quantum, Daitya e Routo, Nêdong, le vite dei kwami, i vecchi Portatori...
E' passato più di un anno e quella storia, quella semplice storiella iniziata quasi per caso mentre guardavo la puntata di Kung Food, è diventata qualcosa di molto più grande.
E, dopo un anno, ho pensato di festeggiare postando qualcosa di diverso, rispetto al solito capitolo, che avrei dovuto postare oggi: ci ho pensato tanto e, alla fine, ho deciso di pubblicare il momento antecedente a quello in cui tutto ha avuto inizio: i pensieri di Gabriel - o, almeno, quello che io penso abbia pensato nell'universo del Quantum - prima di aprire la scatola del Miraculous della Farfalla e diventare Papillon. Beh, alla fine tutto è iniziato da quel momento, no?
E adesso mi zittisco - altrimenti queste note vengono più lunghe del capitoletto -, lasciandovi alla shot e, come sempre, ringraziandovi tutti: grazie di quest'anno passato assieme, grazie dei vostri commenti e del vostro supporto.
Grazie di tutto!

 


 


Inspirò profondamente, osservando il quadro dalle tinte dorate che aveva posto davanti il pannello della cassaforte: aveva sempre adorato Il bacio di Klimt e, quando aveva commissionato quel ritratto, aveva chiesto all’artista di ricalcare lo stile del celebre autore.
Sophie lo aveva preso in giro, ma aveva accettato di posare e il risultato che era uscito era stato un’opera bellissima.
La bellezza di sua moglie era messa in risalto dall’oro, senza che questo scalfisse i capelli biondi e la pelle diafana.
Sophie Agreste era ritratta nel suo momento di massimo splendore.
Se si voltava, poteva vedere ancora sua moglie mentre, seduta per terra e con le gambe incrociate, ammirava il suo ritratto mentre Adrien giocava accanto a lei.
In vero, il fantasma di Sophie era ovunque nella casa: nella sala da pranzo, quando imboccava loro figlio; nella camera da letto, mentre si preparava per accompagnarlo a qualche evento a cui Gabriel Agreste, l’emergente stilista parigino, doveva partecipare; nell’androne della villa…
Sophie era ovunque e riportava alla sua mente ricordi che gli provocavano dolore e, allo stesso tempo, a cui si attaccava come se fosse un drogato.
Sua moglie, ormai, era solo nei suoi ricordi.
Poco dopo la commissione del quadro, Sophie era sparita e, assieme a lei, anche la minaccia che aveva imperversato per Parigi.
L’aveva cercata, aveva sperato di trovarla nella capitale francese ma così non era stato.
Aveva iniziato ad avere anche paura di quel mondo, che gli aveva portato via la sua amatissima moglie, tanto che aveva piano piano interrotto ogni contatto di Adrien con quella minaccia: Sophie era sparita, ad Adrien non sarebbe successo lo stesso.
Lo avrebbe tenuto al sicuro.
Dentro casa.
Era per questo che aveva assunto una donna come Nathalie, capace di gestire sia la sua attività che un figlio che diventava sempre più grande: l’assistente aveva assunto il ruolo di bambinaia e maestra, diventando una figura importante nella vita di Adrien.
E lui…
Lui aveva continuato a cercare Sophie, allargando il campo di ricerca sempre di più, finché il suo viaggio non l’aveva portato nel lontano Tibet: lì aveva appreso cosa erano i Miraculous, cosa sua moglie stava facendo ma di lei nessun indizio.
Niente di niente.
Dal tempio in cui si era rifugiato, apprendendo i segreti di quei sette gioielli misteriosi, aveva trafugato un libro e lo aveva divorato, mentre tornava nella sua Parigi, da suo figlio e alla sua normalità.
Aveva appreso tante cose e aveva capito che  c’era solo un modo per poter riportare indietro sua moglie.
Era stato proprio allora che nelle sue mani era giunta quella piccola scatolina di legno, in quel momento poggiata sulla scrivania: sapeva che, nel momento esatto in cui avrebbe sollevato il coperchio, la sua vita sarebbe cambiata inesorabilmente.
Era indeciso e lo era da giorni ormai.
Si voltò, osservando il piccolo contenitore e allungò titubante una mano, ritirandola: no, non poteva.
Non poteva cedere a ciò che stava pensando.
Lui non poteva…
E se gli fosse successo qualcosa?
Avrebbe lasciato solo Adrien. Adrien che presto avrebbe compiuto quattordici anni.
Suo figlio non poteva ancora affrontare il mondo, per quando la sua esuberanza giovanile lo spingesse ogni giorno a tentare di scappare e a comportarsi come un ragazzo qualunque, anche se non lo era.
Lui non…
Ma Sophie…
Poteva continuare a rimanere così?
Poteva continuare a desiderare che lei tornasse a casa, che entrasse nuovamente dalla porta come se nulla fosse, con quel suo bellissimo sorriso sul volto?
E se non poteva? E se qualcosa la stesse tenendo lontana da loro?
Aveva bisogno di potere.
Necessitava del potere che solo una cosa poteva dargli.
I Miraculous.
Lui…
Lui ne aveva bisogno.
Inspirò profondamente, prendendo il telecomando e digitando velocemente un codice: sul muro di sinistra un piccolo bip annunciò l’apertura della panic room, che aveva fatto costruire poco dopo la scomparsa di Sophie.
L’ennesimo segno di quanto fosse terrorizzato da quel mondo che gli aveva portato via la moglie.
Spostò nuovamente lo sguardo sul quadro, facendolo vagare sui lineamenti del volto e poi prese la scatola, dirigendosi velocemente verso la porta che aveva aperto: adesso o mai.
Adesso che era deciso.
Adesso che ancora non aveva ripensamenti.
Entrò e salì velocemente le scale, raggiungendo velocemente la stanza circolare e completamente spoglia: non c’erano scorte di cibo, né attrezzature, né monitor collegati alle telecamere.
Non c’era assolutamente niente.
E così andava bene.
Osservò l’enorme rosone che occupava la parte più alta del tetto, nella parte posteriore della casa, ed era l’unica fonte di luce di quel luogo.
Strinse le dita attorno alla scatola, abbassando lo sguardo e inspirando profondamente.
Solo per lei.
Solo per Sophie stava facendo tutto questo.
Se il suo piano era perfetto, se tutto ciò che aveva ideato fosse andato per il verso giusto, il Guardiano dei Miraculous avrebbe dovuto consegnare i due più potenti e lui…
Lui li avrebbe presi, per esaudire il suo desiderio più grande.
Per riavere Sophie al suo fianco.
Per te. Sto facendo tutto questo per te, pensò mentre apriva la scatola di legno e la luce lo accecò per un attimo, facendogli socchiudere le palpebre: farfalle bianche avevano riempito la stanza, adagiandosi silenziose sul pavimento e risplendendo leggermente ai raggi che entravano dall’enorme finestra, mentre un piccolo esserino viola lo fissava in paziente attesa.
Lo aveva fatto.
Per Sophie.
Solo per lei.


«Voglio quel potere assoluto, Nooroo. Voglio questi due Miraculous.»
«Ma, Maestro, non sappiamo dove si trovino…»
«Ho trovato te, Nooroo. Questo Miraculous a cui sei legato, ricordami cosa mi permette di fare.»
«La spilla della farfalla permette di donare un potere a una persona e fare di lei il suo campione.»
«E per attirare dei supereroi, quale modo più efficace che creare dei supercattivi?»

 

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.