FanFiction Miraculous Ladybug | Miraculous Heroes di E_c_h_o | FanFiction Zone

 

  Miraculous Heroes

         

 

  

  

  

  

Miraculous Heroes ●●●●● (Letta 8505 volte)

di E_c_h_o 

29 capitoli (in corso) - 1 commento - 1 seguace - Per tutti

    

 

Sezione:

Fumetti e CartoniMiraculous Ladybug

Genere:

Azione - Romantico - Soprannaturale

Annotazioni:

What If

Protagonisti:

Adrien Agreste - Marinette Dupain-Cheng - Altri

Coppie:

Adrien Agreste/Marinette Dupain-Cheng (Tipo di coppia «Het»)

 

 

              

  


  

 Capitolo 1 

Un nuovo nemico, una nuova minaccia che incombe su Parigi. Nuovi compagni per Ladybug e Chat Noir. E la vita di tutti i giorni con i suoi problemi...


  

Titolo: Miraculous Heroes
Personaggi: Adrien Agreste, Marinette Dupain-Cheng, altri
Genere: azione, mistero, romantico
Rating: NC13
Avvertimenti: longfic, what if...?
Wordcount: 1814 (Fidipù)
Introduzione: Sono passati quattro anni da quando Ladybug e Chat Noir hanno sconfitto Papillon, riportandolo dalla parte del bene.
Ma una nuova minaccia giunge a Parigi e i due eroi non sanno se stavolta riusciranno a fermarla...
Note: Ehm...salve! Questa è la prima storia seria che pubblico nel fandom di Miraculous Ladybug e...
Beh, niente di che! E' una what if...? che mi è venuta in mente, dove ritroverete i personaggi della serie, delle new entry e una cattiva nuova nuova di zecca!
Buona lettura!



Secoli fa, furono creati sette gioielli magici che donavano dei poteri fantastici: I Miraculous.
Durante la storia, questi gioielli sono stati usati dagli eroi per salvare l’umanità.
Due di questi erano più potenti degli altri: gli orecchini della coccinella, con il potere della creazione; e l’anello del gatto nero, con il potere della distruzione.
La leggenda dice che a colui, che avrebbe avuto entrambi i gioielli, sarebbe stato donato il potere assoluto.
Solo una persona, in tutta la storia, ha cercato di prendere i due potenti Miraculous: Papillon, il possessore del Miraculous della farfalla.
Ma, quattro anni or sono, Ladybug e Chat Noir hanno fermato il loro nemico e l’hanno riportato dalla parte del bene.



Plagg sbadigliò sonoramente, mentre ascoltava Nooroo raccontare loro qualcosa che sapevano benissimo: «Non è per rovinarti la storia…» mormorò, sistemandosi meglio contro la scatola vuota di Camembert e allungando una zampetta all’interno, alla ricerca di qualche pezzetto superstite di formaggio: «Ma c’eravamo anche noi.»
«Ssssh!» intimò Wayzz, il kwami del Miraculous della tartaruga, osservando male il felino nero: «Adesso c’è la parte più interessante.»
Plagg fissò il kwami verde, sperando che non dicesse sul serio: davvero voleva stare a sentire Nooroo raccontare la storia che avevano vissuto non poco tempo fa?
«Quale?» commentò l’esserino nero: «Quella dove narra di come Ladybug e Chat Noir hanno scoperte le relative identità, si sono innamorati – cioè lo erano già l’uno dell’altra, ma troppo idioti per capire che si amavano a vicenda – e si sono messi insieme?»
«No! Me l’hai rovinata!»
«Stai scherzando, vero?»
Nooroo sospirò, osservando Plagg e Wayzz iniziare a litigare e scosse il capo: «Speravo fosse una cosa carina, ritrovarsi e commentare ciò che è successo quattro anni fa…» mormorò, sedendosi accanto alla kwami della coccinella che ridente osservava gli altri due.
«Beh, come idea non era male. Ma conosci Plagg, non è tipo da cose come questa.»
«E Wayzz prende sempre tutto sul serio.»
Si voltarono entrambi, giusto in tempo per vedere il kwami verde lanciare pezzi di lattuga contro il felino nero, che rispondeva a suon di formaggio: la kwami rossa rise, scuotendo il capo: «Però è bello sapere che siamo in pace, che la mia protetta e quello di Plagg stanno vivendo il loro amore felici e contenti…» si fermò, sospirando: «Tutto è perfetto!»


Fu osservò i quattro kwami: Plagg e Wayzz stavano litigando come loro solito, Nooroo cercava di placare gli animi e Tikki li osservava tranquilla.
Da quanto non vedeva quei piccoletti tutti assieme? Tanto tempo.
Con un sospiro, si voltò verso il grammofono, al cui interno era nascosto lo scrigno dei Miraculous: tre kwami mancavano all’appello, tre Miraculous che aveva donato a giro per il mondo.
Perché, se aveva imparato una cosa fondamentale nei suoi centonovant’anni, era che il Male non riposava mai.


L’aeroporto di Charles De Gaulle era febbricitante: turisti che arrivavano nella capitale francese, turisti che se ne andavano, altri che erano solo di passaggio, altri ancora erano giunti fin lì per lavoro.
Quel luogo era pieno di vita.
E lei era giunta in quel luogo con una missione.
«Pensi sia una buona idea?» le domandò una vocina, mentre un musetto giallo faceva capolino dalla sua borsa.
«Mikko! Potrebbero vederti!» esclamò la ragazza, guardandosi attorno.
La folletta gialla ridacchiò, ritornando nel suo antro: la ragazza sbuffò, ricordando di come la kwami era uscita da una strana scatola nera, che aveva trovato nella sua camera, qualche tempo fa; legata dalla magia a un pettinino a forma di ape, Miko le aveva detto di essere un Kwami e che le avrebbe donato dei poteri.
Da quel giorno era diventata Bee, paladina della giustizia e del bene.
E per la giustizia e il bene era giunta fino a Parigi.
Perché la sua nemica era lì.
E lei l’avrebbe fermata.


Sorrise, osservando la calca di gente che affollava la pista da ballo, sotto il balcone vip che aveva prenotato per quella sera; sentì le mani della sua compagna scivolargli sulle spalle, mentre il profumo costoso gli arrivava alle narici: sapeva benissimo cosa voleva lei.
Era bello e lo sapeva.
Era ricco e la sua partner lo sapeva.
Si portò il bicchiere colmo di liquore e lo buttò giù in un sorso, voltandosi poi verso la sua partner: «Che strano ciondolo…» commentò la donna, facendo scorrere le dita laccate di rosso sul ciondolo che teneva al collo.
«E’ un ciondolo magico.» dichiarò lui, sorridendole e allontanandole le mani dal monile, baciandole uno a uno i polpastrelli: «Dentro c’è un folletto che mi fa trasformare in un supereroe.»
«Come Ladybug e Chat Noir?»
«Esattamente come loro.» dichiarò, sorridendo convinto: «Ma io sono più bello di Chat Noir. E più potente.»
La donna rise, gettando la testa all’indietro e, quasi sicuramente, pensava che lui stesse scherzando.
Non sapeva quanto distante dalla realtà era.


Sospirò, mentre il suo datore di lavoro avanzava verso di lui, pronto all’ennesima strigliata: non poteva dirgli che aveva capito male l’ordinazione. Era a Parigi da parecchio tempo ormai, abbastanza per aver imparato le basi della lingua e non fare un errore scemo come quello di capire pesce per acqua.
Il proprietario del ristorante si fermò davanti a lui, alzando la testa per fissarlo negli occhi: tentennò, come faceva sempre di fronte a lui.
Essere grandi e grossi aiutava ogni tanto.
«Dimmi cosa devo fare con te!» esclamò il suo capo, portandosi il pollice e l’indice alla base del naso: «Dimmelo. Perché io non so più cosa fare!»


Il kwami della volpe la osservò: «Perché sei voluta venire a Parigi?» le domandò, mentre la ragazza si appoggiava al balcone del piccolo appartamento che aveva preso in affitto.
«Non lo so. Sentivo di dover venire qua.»
«Sentivi di dover venire qua?» la parafrasò il kwami, soppesando poi quelle parole e rimanendo in silenzio.
«Sì, Vooxi. Era come se qualcosa mi stesse chiamando.»


Era così strano ritrovarsi da sola nel terrazzino della sua camera, pensò Marinette mentre si accomodava meglio sulla sdraio e osservava il cielo notturno di Parigi: Notre Dame illuminava la notte, imponendosi nel panorama parigino.
Tikki era andata a una specie di ritrovo fra Kwami.
Chat – o meglio Adrien – non sarebbe venuto a trovarla, poiché anche Plagg era a quel ritrovo.
Quella sera era tutta per lei, per Marinette.
Abbassò lo sguardo sul blocco da disegno che teneva in mano, osservando i vestiti che aveva disegnato in quella serata di solitudine: avrebbe dovuto effettuare qualche modifica qua e là ma, tutto sommato, le piacevano.
Quasi quasi avrebbe convinto qualcuno ad accompagnarla a comprare le stoffe per poterli cucire.
Ovviamente quando avrebbe concluso il disegno.
Il suo cellulare vibrò, distraendola dai suoi piani: si allungò, prendendo l’apparecchio abbandonato sul tavolinetto di legno e sorrise alla vista del mittente: Dì la verità, ti manca quel meraviglioso e sensualissimo gatto nero che sa come rendere bollenti le tue notti.
Arrossì, rileggendo il messaggio: sapeva sempre come sorprenderla, anche dopo quattro anni che si conoscevano e nonostante il fatto che aveva imparato a placare i tentativi di seduzione di quel gatto nero.
Beh, tentativi placati finché non aveva scoperto che dietro la maschera nera c’era l’amore della sua vita.
Un nuovo vibro l’avvisò di un nuovo messaggio.
Oh oh. Il gatto ti ha forse mangiato la lingua?


Adrien ridacchiò, abbandonando il cellulare sul ripiano di marmo del lavabo e osservando il proprio riflesso allo specchio: i capelli biondi erano sparati in tutte le direzioni, come ogni volta che usciva dalla doccia. Afferrò l’asciugamano bianco, frizionando la testa e aspettando una risposta dalla sua principessa.
Perché, era sicuro, che dopo il momento d’imbarazzo iniziale, gli avrebbe risposto pan per focaccia.
Era questo che adorava di lei: sapeva essere estremamente timida e, allo stesso tempo, audace.
Finì di asciugare i capelli con la salvietta, osservando poi il cellulare: non gli aveva ancora risposto.
Possibile che, questa volta, era riuscito a zittirla?
Sorrise e prese il telefono, aprendo il registro delle chiamate e selezionando poi il numero della ragazza: rimase in linea un po’, prima che lei rispondesse – quasi sicuramente aveva dovuto cercare il coraggio per rispondergli –: «Salut, Marinette.» la salutò innocente, come se non avesse spedito nessun messaggio.
Che poi non è che fosse chissà cosa quel messaggio, avrebbe potuto fare di peggio se ci si fosse messo d’impegno.
La sentì respirare profondamente e poi iniziare a balbettare qualcosa: quattro anni di conoscenza lo avevano reso un perfetto traduttore degli sproloqui senza senso di Marinette.
Rimase ad ascoltarla, poggiato contro il lavabo e osservando i piedi scalzi contro le mattonelle scure del pavimento: «Pensavo che la mia lady non si scandalizzasse per così poco…» commentò alla fine, quando la ragazza ebbe finito di balbettare quello che stava dicendo.
«Ladybug non si scandalizza.» bofonchiò la voce femminile all’altro capo del telefono: «Marinette sì.»
Adrien alzò gli occhi al cielo, sospirando: ancora non capiva perché si ostinava a dire che Ladybug e lei erano diverse.
«Sai, dovremmo lavorare su questa tua tendenza a sminuirti.» mormorò, dirigendosi verso la porta e passando in camera sua: «Visti i nostri genitori, dovrei essere io quello con poca autostima.»
«Tranquillo, ce l’hai per tutti e due.»
«Beh, in fondo dove si può trovare un altro come? Bello, intelligente, sexy…»
«Rompiscatole, fin troppo sicuro di sé...»
«Sono purr-fetto. Che posso farci?»
Adrien ascoltò la risata di Marinette, lasciandosi andare sul letto: «Questa è vecchia, Adrien.»
«Ma sempre d’effetto.»
«Se ne sei convinto tu.»
«Hai appena riso, Marinette.» la riprese lui, sorridendo e osservando l’enorme finestra della sua camera.
«Non è vero!»
«My lady, non pensavo fossi una bugiarda!» dichiarò, ascoltando poi un borbottio confuso dall’altra parte della linea: «Hai riso al mio gioco di parole, che può essere vecchio ma efficace. Fine.»
«No.»
«Sì.»
«No.»
«Marinette…» mormorò tranquillo, chiudendo gli occhi: «…sai cosa succede alle coccinelle bugiarde?»
«Non sono più fortunate?»
«No, vengono punite dal gatto nero.» dichiarò, lasciando intendere doppi e tripli sensi con quella frase.
Mmh, dal vivo avrebbe reso di più, perché ci sarebbero stati sguardi e postura ad aiutarlo, nonché un certo contatto fisico.
Vabbè, ormai era andata così.
Marinette respirò profondamente e balbettò il suo nome, facendolo ridacchiare: «Cosa ti stai immaginando, piccola coccinella pervertita?» domandò innocente.
«Io?» strillò la ragazza all’altro capo: «Sei tu quello che…»
«Ho forse detto qualcosa io?» Ghignò, mentre la immaginava cercare qualcosa con cui accusarlo e non trovando niente: alla fine lui aveva detto solo una frase innocente: «Beh, my lady, dovrei andare a dormire: sai com’è, domattina c’è scuola…» si fermò, sorridendo e buttò l’ultima battuta prima di chiudere la chiamata: «Ah, mi raccomando, nei tuoi sogni porno, preferirei stare sopra.»
«Adrien!»


Parigi.
La capitale della Francia.
Per tanti anche la città dell’amore.
Alzò il bicchiere di vino bianco, osservando la Tour Eiffel attraverso il liquido e sorridendo, mentre rimaneva comodamente distesa sulla chaise longue: «Il luogo dove sono apparsi i Miraculous...» dichiarò, portandosi il bicchiere alle labbra e sorridendo.


 

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.