FanFiction Last exile | Beyond the memories di suzako | FanFiction Zone

 

  Beyond the memories

         

 

  

  

  

  

Beyond the memories ●●●●○ (Letta 806 volte)

di suzako 

1 capitolo (in corso) - 2 commenti - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaLast exile

Genere:

Altro

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 1. le memorie della Sylvana 

"la sylvana...ai tempi della guerra contro la gilda, simbolo di ribellione e speranza per un futuro più libero..." - ambientato dopo l'ultimo ep. della serie, questa fanfiction parla di un ipotetico e drammatico svolgimento dei fatti, narrati dal punto di...


  

La porta dell’hangar si aprì cigolando. Fece qualche passo nel buio, incerta. Dov’era? Perché era lì? Lo spaesamento durò solo un attimo, il tempo di…un sogno. Tornò immediatamente alla realtà. Buio. Luce. Trovò l’interruttore, la luce era plastica e tremolante, rendeva l’interno della nave appena visibile. Ed era lì. La Silvana

Memorie… stavano tornando…

Ce l’aveva fatta. Finalmente, aveva trovato un lavoro, arruolata sulla silvana. La silvana che uccide tutti, così dicevano. Ma non badava alle superstizioni e alle dicerie del popolo stanco del potere, era una ragazza forte, Wina. Così dicevano. È una nave crudele, Wina, non ha pietà per nessuno, la silvana…la silvana ti prenderà, ti porterà lontano, senza pietà, sorda ai tuoi desideri, Wina…Wina...
Ma chi la merita veramente, la pietà? Era cinica e decisa, Wina. Aveva bisogno di un impiega, non avrebbe rinunciato proprio ora… sì, le serviva un lavoro, lei, Wina dalle mani di vento, che scivolavano silenziose sul pianoforte, l’unica cosa, un impiego, che gli spartiti non avevano saputo dargli. Sei felice, Wina? Così le chiedevano. Felice, felice…cos’era la felicità? Non aveva il tempo di pensarci, ascoltava i suoni, Wina, attenta ad ogni vibrazione, ma tutto vorticava, gli avvenimenti la trascinavano inaspettatamente, non aveva tempo di pensare, non aveva tempo, non l’aveva. Ma adesso, pensa a cose concrete, Wina…! Sì, adesso…pensava a cose serie, questioni importanti. Avrebbe mandato parte dei soldi ai genitori, non li avrebbe rivisti per tanto tempo…ti sentirai sola, Wina…così le chiedeva Campbell. Lei non rispondeva, no pensava, ascoltava e basta, la modulazione dei suoni. Ma la silvana non suonava, la silvana non cantava. C’era sempre una stonatura. Era lei. La silvana, solitaria e minacciosa, al suo passaggio,anche le nuvole si smaterializzavano, e il vento si faceva più impetuoso, come per far risuonare quel cuscio vuoto e silenzioso. Non veniva scalfita, la silvana, e procedeva infelice e sola. Niente da fare, amico mio. La silvana, silenziosa nel suo fragore di guerra, mai felice, rilassata, come una belva pronta a sferrare un’attacco, tesa, pronta. Ma per cosa? Ti faceva paura, Wina? Cosa ci faceva lei, lì? Perché non scappi, Wina? Il cielo è così vasto, puoi nasconderti qui. Ma non poteva. Non avrebbe tradito nessuno. Nessuno? Chi? Qualcuno…qualcuno la stava aspettando, e lei restava lì.
> . Così le diceva Cambell. Le parlava spesso, era premuroso. Si fidava di lei, diceva. E anche il comandante Sophia. Per tutti gli altri, c’era una sorta di collaborazione segreta, una stima inconfessata. Era bella e forte in quei momenti, la silvana, La Sylvana! Con quale orgoglio finiva sempre per dichiarare la propria apparteneza! Tutti, c’era un filo che li univa. La sensazione che tutto quel vagare tra le nuvole, la forza e la potenza non ostentate rumorosamente, ma infiltrate negli animi, rendendoli inquieti, avesse un senso, una meta finale, uno scopo. Un unico. Solo. Scopo.
La silvana, silenzioso gigante di orgoglio; la silvana simbolo di coraggio e unione, la silvana che uccide tutti, terrore e dominio dei cieli, forza incontrastata di Anatorey, temita anche da anatorey stesso. La Sylvana, sempre e comunque contro La Gilda. Questa era la silvana.
E ora, cos’era la sylvana?
“ Sophia non lo avrebbe mai permesso. Il comandante, non lo avrebbe permesso”
Ma il comandante non viveva più, se non nella mente, se non nella memoria del popolo tradito, e di chi aveva visto anche solo una voltai suoi occhi…cosa si poteva vedere, in quegli occhi…
E Sophia…la speranza ormai spenta di un futuro migliore. Come ha potuto morire, sua altezza imperiale Sophia? Perché, Sophia?

Un attentato
Ex membri della gilda
Ormai, non c’è più speranza di pace
È tutto in mano ai nobili, che possiamo fare?
Gente avida e cattiva, bimbo mio, non penseranno a noi
Al popolo
Si avvicinano tempi duri, ragazzo mio
Le cose non possono andare avanti così
Le cose devono cambiare
Ribelliamoci!
Rivoluzione!

Così raccontavano le strade, così narravano le città
La silvana era stata resa inagibile, non avrebbe più tagliato le nuvole, nessuno, con lo sguardo fisso all’orizzonte, avrebbe detto avvisandola e percorso da un brivido di paura “è lei, la Sylvana!”
Era arrivato quel nobile. Fred Stainer. Perché?
Dopo la morte di sophia, che non aveva lasciato eredi, la persona più vicina al trono era lui.
O Vincent Alzay.
In quale prigione si troverà, ora, Vincent? O forse era in esilio, da qualche parte, nelle fredde pianure di Disith. Sperando per lui che facciano un buon caffé…
La Sylvana, simbolo dell’antica lotta contro la gilda, simbolo di vittoria, giustizia e uguaglianza, di guerra e di pacee. La sua unità claudia era stata inizialmente disattivata. “ è solo un vecchio rottame, non c’è bisogno di mantenerla…penserò a cosa farci”. Adesso, sarebbe stata smantellata. Distrutta. Finita. Non sarebbe tornata, mai più!
“ è un lavoro noioso, Wina, sicura di voler andare tu? Devi solo scattare qualche foto e compilare quel modulo per l’archivio..” – lavorava per il governo, ora.
E così la Silvana era ancora là. Per poco, ma era ancora là. Non avrebbe più solcato i cieli, la silvana. Non avrebbe più colpito qualche malcapitato avversario. Non sarebbe più stata, la silvana. Perché ormai, per lei, non c’era più spazio in questo cielo. Vero Claus?
Non era quello che avresti voluto.Ormai avrai capito quanto è sporco e corrotto questo cielo. Ancora una volta, hai dovuto abbandonare Lavie, Al e i tuoicampi di grano, per combattere su una vanship. Per la pace, come i tuoi padri, come loro, hai gli stessi sogni. Si sarà arrabbiata, Lavie, e a te sarà dispiaciuto, ma sarai andato avanti, continuerai a combattere, senza dimenticarti degli altri, come sempre, sei sempre lo stesso, Claus…
C’erano molte ragnatele. Anche dei topi, forse - “quando la nave affonda, i topi sono i primi a scappare…” - e quel silenzio…quando, quando mai c’è stato un silenzio del genere sulla silvana? Non il silenzio carica di agitazione, attesa e nervosismo precedente agli attacchi, ma un silenzio immobile e rassegnato. Era davvero la Silvana, quella là? Non un rumore di passi affrettati per eseguire ordini, non il rombo delle vanship pronte al decollo, o il cigolare della porta dell’hangar, non gli echi degli spari, le grida di ammirazione per le manovre di Dio’ e “Immelman”, non le benedizioni di Mullin, o le risa di Al…nessun eco, a rievocare il rumore dei gloriosi giorni passati!
Continuo a camminare per l’hangar, sola, solo i suoi ricordi, i rimpianti la accompagnavano ad ogni passo.


----

second (last) chapter: beyond the memories, beyond the sky: coming soon.

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.