FanFiction Fairy Tail | No matter what, I will always love you di Ayrin | FanFiction Zone

 

  No matter what, I will always love you

         

 

  

  

  

  

No matter what, I will always love you   (Letta 608 volte)

di Ayrin 

1 capitolo (in corso) - 0 commenti - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaFairy Tail

Genere:

Romantico

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Capitolo 1 

In un luogo buio dove la luce del sole non raggiungeva mai, una ragazza incappucciata da un lungo mantello nero, era in piedi al bordo di un ripido dirupo.Il forte vento che soffiava portava con sé quei lunghissimi capelli biondi ribelli che il cappuccio ...


  

Salve a tutti, sono Ayrin e son un amante di questo bellissimo Anime/ Manga *-*

Adoro Natsu e Lucy, e ho deciso di scrivere una fanfiction così di punto in bianco. Abbiate pietà che è la mia prima fanfiction. Spero che vi piaccia. Se trovo almeno una recensione continuerò la storia, ma nel frattempo ho deciso di pubblicare il primo capitolo come prova e vedere pareri.

Vi auguro Buona lettura









In un luogo buio dove la luce del sole non raggiungeva mai, una ragazza incappucciata da un lungo mantello nero, era in piedi al bordo di un ripido dirupo.Il forte vento che soffiava portava con sé quei lunghissimi capelli biondi ribelli che il cappuccio non riusciva a trattenere. Dal volto semi coperto, si intravedevano delle guance rigate da lacrime amare. La ragazza stremata si inginocchiò tra i singhiozzi di un pianto doloroso e il vento impetuoso che trascinava con sé anche la sabbia del terreno arido, ad un tratto scoprì il capo, e si udì l'eco di un urlo disperato di quest'ultima.



Da quelle labbra uscí un nome che le era stato imposto di non pronunciare mai...



“ Natsu.”







Fine flashforward..







Un altro giorno sorgeva nella lontana città di Magnolia, dai mille colori e suoni. Al centro di essa un edificio immenso si innalzava sventolando fieramente la bandiera della gilda più famosa di cui gli abitanti stessi andavano immensamente fieri, Fairy Tail. Già dalle primi luci del mattino si potevano sentire risate e schiamazzi provenire dall'edificio. Mormorii di membri in cerca di un incarico per guadagnare qualche jewels provenivano da un angolo della sala davanti a un'immensa bacheca con incarichi di vario genere. Accanto ad essa, un ragazzo dai capelli color dei petali di ciliegio se ne stava seduto su uno sgabello rivolto verso il balcone del bar, con aria di chi era pensieroso e allo stesso tempo scocciato. Un gatto blu svolazzando dal nulla comparve tutto d'un tratto risvegliandolo dai pensieri profondi



“ Natsu? A cosa stai pensando? Non dobbiamo cercarci un lavoretto? Stasera voglio mangiare pesce grigliato!” disse leccandosi i baffi.



“Happy, dobbiamo aspettare Lucy, e come al solito è in ritardo.” rispose il rosato



“Ma Natsu andiamoci con Gray ed Erza poi una volta finito possiamo accettare un altro piccolo incarico.” rispose preoccupato il gatto blu.



“ No! Dovrebbe arrivare a momenti,sento il suo odore!” rispose ottimista.



Una figura femminile che era intenta a lucidare dei boccali di birra e servire i vari membri della gilda, aveva ascoltato attentamente la conversazione dei due. Poi tutto d'un tratto la ragazza si rivolse al ragazzo intromettendosi alla loro conversazione:



“Natsu, è vero che non prenderesti mai un incarico senza Lucy?”



“Certo Mirajane, lei è la nostra nakama e siamo una squadra” sorrise dolcemente



“Non è che Lucy ti piace?” pronunciò stuzzicandolo con un occhiolino.



“ Ma certo che Lucy mi piace, te l'ho detto, è una preziosa nakama” ripetè sorridendo



“Nee Natsu, credo che Mirajane intendesse se ti piace come donna” intervenne il gatto blu con un espressione maliziosa in volto



“EH?.. Non capisco” rispose con una smorfia confusa e un chiaro punto interrogativo sul viso.



Al che Mirajane e il gatto si guardarono in volto e sospirarono in segno di arresa a quella reazione del ragazzo.



Nel frattempo in lontananza alle rive del fiume della bella Magnolia, si udiva un tintinnio di chiavi e il fruscio di lunghi capelli al vento, una ragazza dai capelli biondi raccolti in due codini, tutta allegra si dirigeva verso la gilda. Sul volto si notava un leggero sorriso stampato, intenta a mantenere l'equilibro lungo il bordo del marciapiede camminava e canticchiava qualcosa di sottofondo, mentre il suo pensiero era rivolto ai suoi compagni che l'aspettavano. Libera e spensierata pensava a come le sue giornate grazie a Natsu fossero divenute allegre, colorate, divertenti e piena di vita.



Ma ad un tratto rivolse lo sguardo verso il cielo,un brivido gelido percorse la schiena, c'era qualcosa che la preoccupava, sentiva nell'aria una tempesta che stava per irrompersi nella sua dolce esistenza. Era una paura che si faceva sempre più fitta, la paura di perdere la sua gilda, i suoi compagni e il suo Natsu. Non ricordava come e quando avesse iniziato a pensare così di quel ragazzo, ma sta di fatto che ormai era certa che lui era speciale nel suo cuore. Quel ragazzo l'aveva sempre protetta e un giorno anche lei se fosse stato necessario avrebbe protetto l'uomo che amava con tutta se stessa. Nascondendo i dolci sentimenti che provava si incamminò verso l'entrata principale della sala che accedeva alla gilda. Ed eccolo lì, lui era lì che le sorrideva come un ebete...



" Sei pronto Natsu?"

" Contaci, sono tutto d'un fuoco" rispose sfoggiando uno dei suoi migliori sorrisi.



Ed ecco che stavano per intraprendere un'altra delle loro magiche avventure.















Lontano da Magnolia nel frattempo, in un castello gelido e dell'aspetto tetro, un uomo castano sulla ventina, di bell'aspetto si era risvegliato da un lungo sonno profondo e misterioso. Il primo pensiero che apparve nella mente di quest'uomo fu “Layla” quella donna dai lunghi capelli biondi dai lineamenti candidi ma allo stesso tempo dallo sguardo severo che non era riuscito a scordarsi a distanza di anni. Ella lo avevo sigillato nel suo stesso castello, imprigionandolo per anni in un sonno profondo da cui finalmente si era destato.



Finalmente libero dalle sue catene e dalla prigionia del sigillo, guardò l'esserino davanti a lui inginocchiato in segno di riverenza al suo padrone.



“Niklas sama, finalmente sono riuscito a spezzare il sigillo della grande maga stellare, perdoni l'attesa” pronunciò con tono solenne.

L'uomo ignorando le parole del suo umile servo si incamminò verso un lungo corridoio buio, lasciando dietro di sé una scia di piume nere come la pece.



“ Layla "

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.