FanFiction Vampire Knight | La bestia nel cuore di sof_chan | FanFiction Zone

 

  La bestia nel cuore

         

 

  

  

  

  

La bestia nel cuore   (Letta 1149 volte)

di sof_chan 

2 capitoli (in corso) - 0 commenti - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaVampire Knight

Genere:

Drammatico

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Capitolo 1 

Questa fanfiction si colloca dopo l'incontro al ballo tra Zero e Yuki. Un percorso alternativo alla trama originale della storia. "Si, siamo vampiri...Ma non siamo bestie! Anche noi amiamo come amano gli esseri umani..."


  

1 Certezze che crollano



Nel silenzio più tombale di quella uggiosa sera solo uno scricchiolio di chiavi..Una porta veniva aperta e richiusa con un tonfo feroce. Un mazzo di chiavi posato sul tavolo e una pistola lanciata violenta sul freddo letto...

già...

proprio quella pistola...

La bloody rose brillava sotto il fievole calore della candela, perchè l' unica cosa che in quella stanza poteva avvicinarsi ad una qualche forma di calore era la candela.

Zero continuava a fissare quel arma, e il suo cuore non poteva far altro che “guardare” a quella promessa scambiata tempo addietro.

Il tempo...

Quanto ne era passato da quel maledettissimo ballo in cui si era rispecchiato, anche se brevemente, in quelle iridi gentili...Le stesse che aveva abbracciato quel giorno.

-Fanculo!

Eccola, di nuovo, la consapevolezza di non farcela. Lui doveva uccidere tutti i vampiri, doveva uccidere Lei, doveva sbattersene altamente delle sensazioni che provava guardando quel “dolce cioccolato fuso” che si rispecchiava nel ghiaccio violaceo dei sui occhi.

-Sono un coglione, ce l' avevo a due passi, era sola...Senza guardie e senza quel Kuran. Dovevo solo premere il grilletto...Sarebbe bastato un secondo, anche meno...Nessuna mira, nessuna interferenza. E invece mi son fatto di nuovo fregare da quella maschera che non faccio altro che avvinghiarle ogni volta che la incontro...Porca puttana Zero! Yuki è morta! La tua Yuki è sparita due anni fa...uccisa da quel fantoccio che c'è adesso. Non puoi prendere in giro te stesso! Lei non tornerà più!

Si accasciò sul letto...un altro sordo tonfo.

Era esausto. E non per il lavoro che aveva portato a termine qualche ora prima...uccidere quei livelli e era stato facilissimo, come ogni volta. Il miglior vampire hunter aveva fatto il miglior lavoro quel giorno e come al solito nel migliore dei modi. Ma l odore dei proiettili bruciati non aveva calmato la sua guerra interiore, come invece succedeva ogni volta che aveva il compito di uccidere quelle bestie. Era come se insieme a quella cenere nauseabonda, che si sprigionava dai corpi, si incenerisse anche parte di se stesso, insieme alla sua coscienza...E si sentiva libero...



Quella mattina aveva deciso di portare dei fiori a suo fratello, Ichiru. La sua lapide bianca era in contrasto con quella lacerata dei sui genitori. Tutti morti, la famiglia Kiryu sterminata per mano dei vampiri. D'altronde anche lui, in un certo senso, era come se fosse morto per mano della stessa lama. E mentre questi pensieri si impadronivano di lui un odore...forte, travolgente, conosciuto...

L'aveva vista a terra, ferita, in una pozza di sangue, svenuta,e l'istinto vinse. La prese dolcemente tra le braccia e la porto al sicuro.

Ma perchè era lui stesso a sentirsi al sicuro stringendo quel corpo minuto? Perchè quel profumo di rosa lo travolgeva facendolo sentire finalmente a casa? Non ebbe tempo di dare le giuste risposte perchè due occhi nocciola lo guardavano intimidita...

-ehm...ciao!

Quella voce..invasa dal dolore ma, sempre cristallina...

E lui, come un ebete, non riuscì a spiccicare una parola. Poi in un attimo si fece più vicina, le sue labbra puntavano il collo marchiato dal tatuaggio, gli occhi le divennero rosso cremisi, vogliosi di sangue...Colpa della ferita sicuramente, perchè una purosangue di certo non aveva voglia di assaporare il sangue impuro di un livello d.

-prova ad avvicinarti e ti uccido!

Poche parole, dritte e spietate, le uniche che riuscì a pronunciare.

Il suo sguardo si normalizzo e un lieve rossore si impadronì delle sue gote, ed lui non ha potuto far altro che pensare che era bellissima,che le era vicino e che la stava ancora stringendo, nonostante tutto...

-Scusami...-abbassò lo sguardo. -Sto meglio, potresti lasciarmi..?

E così fece...in un attimo tutto di nuovo freddo...Forse era per via del tremolio che sobbalzò nella stanza, o per colpa dei vetri andati in frantumi in un attimo...o perchè lei aveva messo distanza tra loro.

-Oddio! Che imbarazzo...Sono..sono stata io. Ehm..ancora non sono brava a controllare i miei poteri. Scusami tanto.- Il suo rossore aumentò.

-Grazie..ma ora è meglio che vada, mi ha fatto piacere vederti...Sono contenta che tu stia bene...bhè..ehm...Ciao Zero!

Un salto dalla finestra, era scomparsa...



Continuava a pensare a quella mattina...forse per via del suo odore. Nonostante avesse bruciato la giacca macchiata dal suo sangue ancora se lo sentiva addosso. Come ancora sentiva rimbombare in testa il suo nome pronunciato da Yuki “Ciao zero”... E più questa idea prendeva consapevolezza più la sua gola bruciava...

Prese una manciata di compresse ematiche e la ingerì di colpo. Doveva allontanarla, distruggere la sua immagine, eliminarla.

Si rigirò esausto sul letto maledicendo il suo cuore...Il sonno non tardò ad arrivare.

-...Yuki...

Zero fu cullato dalle sue stesse parole....

 

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.