FanFiction Bleach | Bleach - Reborn di Norman_Jayden | FanFiction Zone

 

  Bleach - Reborn

         

 

  

  

  

  

Bleach - Reborn   (Letta 1431 volte)

di Norman_Jayden 

4 capitoli (in corso) - 0 commenti - 1 seguace - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaBleach

Genere:

Avventura - Azione - Umoristico - Altro

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Capitolo uno - Rinascita 

Primo capitolo delle vicende di Eric Cross. Da poco ha aquisito i poteri di Shinigami e fatto la conoscenza di Louise Clancy, anche'ssa shinigami. Grazie ai suoi poteri dovrà dare man forte a Ichigo e i suoi amici, che presto faranno la conoscenza della s...


  

Eric piano, piano, riprese coscienza.

-Eric.. come va?- Gli chiese una voce.

Il ragazzo mise a fuoco gli occhi, che con tutte le loro forze rifiutarono. Alla fine, si arrese

-Si... sto bene... cos'è successo?-

-Sei caduto dalle scale e hai battuto la testa,.-

"Era solo un sogno..." Pensò rilassandosi sul morbido letto.

Morbido letto?

Ottimo segno, era in infermeria.

-Cosa ricordi?- Gli chiese nuovamente la voce.

-Io... ricordo che Ichigo e gli altri stavano combattendo dei mostri, poi ho incontrato qualcuno, ho fatto un patto e... non rico niente... che mal di testa... dev'essere stato un sogno.. chi sei?-

Ci fu una lunga pausa.

-Mi chiamo Louise Clancy.-

Eric si aspettava che la voce fosse sua sorella, ma a quanto pare, non fu così.

-Ciao Louise... mi hai portato tu in infermeria?-

-Si..-

Ad Eric sembrò di aver recuperato la vista, e guardò il volto della sua salvatrice.

Louise era bionda, e il volto era molto familiare.

Eric sgranò gli occhi.

-Shinigami!- Urlò alzandosi di scatto.

-.... sembra che il chappy non abbia funzionato.. come mai?- Si chiese Louise tirando fuori una specie di biro con un coniglietto in cima.

-Chappy? Ma di che diavolo stai parlando? E mia sorella?-

-Tua sorella sta bene, non ti preoccupare, tu piutosto, cosa sei?-

-Un semplice umano.-

Un'altra pausa di silenzio.

-.... senti, durante il patto, qualcosa dev'essere andato storto.. ti devo aver dato più reiatsu del previsto..-

-Reiatsu? Patto? Tutto quello non era un sogno?-

-No, non lo era, e ora ho bisogno del tuo aiuto.-

Eric rimase zitto, pronto ad ascoltare quello che voleva dire.

-Allora, nel tuo passaggio a Shinigami, qualcosa dev'essere andato male, ti ho dato più potere di quello che avevo immaginato, ora tu sei uno shinigami completo, tutto qui fin chiaro?-

-Si.-

-Bene, la cosa strana è il fatto che io dovrei averti passato pochissima energia spirituale, e invece, tu hai agito come se l'avessi assorbita tutta. Ma così non è stato, infatti, io esercito ancora il potere di Shinigami. Chiaro?-

Eric annuì.

-Bene, da ora tu devi startene zitto a proposito di questo patto, se Rukia-Sama o qualcun'altro dovesse scroprirlo, io finirei in guai molto seri, rischiando la morte, quindi, tu non aprirai bocca su quello che è sucesso prima.. altrimenti ti uccido.-

Eric sorrise.

-Certo, va bene.-

La porta dell'infermeria si aprì.

-Mi raccomando, NON DIRE NIENTE. E mi raccomando, dobbiamo sempre stare vicini, non so cosa sia successoe devo controllarti, prima che succeda qualcosa fuori dal nostro controllo. Capito?-

Ichigo, Rukia e Akane entrarono buttandosi sul letto.

-Come va?- Chiede Akane.

-A posto, non ti preoccupare. Sono solo caduto dalle scale.-

-Accidenti, in nemmeno un'ora, hai già visitato due volte l'infermeria... questa chi è?- Disse Ichigo guardando Louise.

-Oh, ehm.. io sono una nuova studente, appena trasferita, sono della seconda A, sono quella che ha portato Eric qua.-

-Ottimo, siamo tutti nella stessa sezione.- Disse dando una pacca ad Eric.

Louise sospirò, fortunatamente nessuno aveva ancora scoperto che lei era una Shinigami.

Akane si alzò e strinse le mani di Louise.

-Grazie per aver portato mio fratello in infermeria.-

-.. hehe... ehm.. di niente!- Rispose imbarazzata.

Poi ci fu solo silenzio.

-In ogni caso, sto bene, torniamo in classe, ancora non mi sono presentato!- Disse Eric alzandosi.



Le lezioni passarono velocemente, quasi per magia, Eric si presentò e si scusò con la classe per il suo ritardo e fece nuove conoscenze, non ci volle molto per integrarsi con il gruppo di Ichigo.



Eric ed Akane, erano davanti all'entrata in attesa dell'arrivo dei propi genitori.

Niente.

Ichigo, Rukia e Louise si erano offerti di aspettarli insieme, ma era passata più di un'ora.

Ancora niente.

-Eric, sei sicuro che ti vengano a prendere?- Chiese Ichigo, sbadigliando.

-... ottima domanda.- Rispose il ragazzo.

-Hey!! Voi siete i Cross?- Chiese un'insegnate, dirigendosi verso i cinque.

-In persona.- Rispose Eric.

-Bene, vostro padre ha chiamato, e ha detto che ha un impegno urgente e quindi ora non riesce a venirvi a prendere. Tenete, questo è il vostro indirizzo.- Disse dando un fogliettino al ragazzo.

Eric mutò la sua faccia, trasformandola in arrabbiata.

-Papàaa....- Disse stringendo i denti.

-Anche tu hai un padre infantile?- Chiese Ichigo sorrdendo.

-Esatto. E non lo chiamerei infantile, direi più tosto idiota..-

Ichigo prese il foglietto e lo lesse.

-Che combinazione! Anchio abito in questa via! Siamo addirittura vicini! Seguimi, ti accompagno.-



Il viaggio durò giusto una decina di minuti, passati chiacchierando tra di loro.



-Bene, questa è casa mia, mio padre gestisce una clinicaaaaaaaah!!- Urlò mentre volava a destra.

Un uomo, sulla quarantina, atterrò al posto di Ichigo.

-Hahahaha! Ichigo! Sei in ritardo di un'ora!!-

-PAPA'!! MALEDIZIONE!! TI SEMBRA QUESTO IL MODO DI ACCOGLIERE DEGLI OSPITI?!- Urlò Ichigo, rispondendo al calcio di prima.

Il padre volò lontano.

-Questo è mio padre, un idiota.- Disse Ichigo indicando il cadavere di suo padre a terra.

-Anche mio padre è molto simil...- Eric si interruppe e si abbassò di colpo, evitando il calcio volante di suo padre, e con tutta la forza che poteva usare, fece un "Upper cut" mandando suo padre esattamente vicino a quello di Ichigo.

I due si alzarono e si misero a danzare la danza "Hawaiiana"

-Ichigo! Questi sono i nostri vicini! I Cross!! Dai loro il benvenuto!- Disse continuando a danzare in modo perfettamente coordinato con il padre di Eric.

Entrambi volarono ancora più lontano.

-Papà! Era questo l'impegno urgente per il quale non sei riuscito a venirmi a prendere?!- Urlò incazzato Eric.

-Papà!! Maledizionione, perchè devi sempre fare l'idiota?!- Urlò Ichigo, anch'essi incazzato.

I due padri si abbracciarono e si misero a piangere.

-Buhuhuhu!! I nostri figli sono nella fase della ribellione!! Che possiamo fareee???-

I due assaggiarono una terza volta la scarpa dei due ragazzi.

Improvvisamente, squillò un telefono.

-Ichigo!- Disse Rukia, aprendo il cellulare.

-Devo andare! Ci vediamo più tardi!- Urlò Ichigo, seguendo Rukia.

-Molto bene, ci vediamo stasera, vicino!- Disse il padre di Ichigo reintanando a casa con la danza Hawaiiana.

-Ci vediamo stasera! Ah, Eric, alle 18 abbiamo una festa dai Kurosaki, a dopo!- Disse a sua volta il padre di Eric, immitando quello di Ichigo.

Alla fine, rimasero solo Akane, Eric e Louise.

....

Louise tirò la divisa di Eric.

-Seguimi.- Disse.

-Dove andiamo?-

-Andiamo a fare un giro in centro, devo dirti una cosa.-

Eric la fissò e capii, c'entrava il fatto dello Shinigami.

-Molto bene, dammi la tua cartella, Akane, ti spiace portarle dentro? Torniamo più tardi.-

-? Va bene... dove andate?- Chiese quest'ultima prendendo le cartelle.

-Abbiamo un appuntamento! Ci vediamo dopo!- Disse Eric, svoltando l'angolo accompagnato da Louise.

Akane fu scossa da una nota di gelosia.



Eric e Louise rimasero soli, correndo senza una meta.

-Perchè corriamo?- Chiese Eric.

-Ichigo e Rukia non ce la faranno da soli, stanno per affrontare degli hollow potenti, dobbiamo dargli una mano!-

-Ma così scopriranno il nostro segreto!-

-Non ti preoccupare, ci andarai solo tu, tieni, questa è una mascherina speciale, grazie al reiatsu, la tua voce dovrebbe mutare, rendendoti difficilmente riconoscibile.- Disse Louise, consegnado un sottocasco a Eric.

-D'accordo, dove dobbiamo andare?-

Louise tirò fuori un cellulare simile a quello di Rukia.

-Da questa parte!- Disse cambiando strada.

In pochi minuti, erano in prossimità dello scontro, che era già iniziato.

-Ok, vedo Ichigo..- Disse Eric, indossando la mascherina. -...ora?-

Louise tirò fuori un guanto e cercò di afferrare la faccia di Eric.

Quest'ultimo si separò dal suo corpo.

-AAAAH! Quello è il mio corpo!!- Urlò indicando il propio corpo, privo di vita e guardandosi, che intanto era vestito come uno shinigami.

-Si, ora vai, presto, al tuo corpo ci penserò io.-

-D'accordo, vado.- Disse Eric, voltandosi e saltando in direzione del nutrito gruppo di Hollow.

In pochi istanti li aveva raggiunti.

Come aveva detto Louise, Ichigo e Rukia parevano in difficoltà.

Eric vide un Hollow che stava per attaccarli da sopra.

Sfoderò la spada e con uno scatto a dir poco veloce, lo raggiunse, tranciandolo in due.

-Chi diavolo sei?!- Urlò Ichigo parando un colpo.

-I rinforzi.- Rispose Eric, tagliando in due tre Hollow.

-Grazie, sei uno shinigami anche te?- Chiese Rukia.

-Si, diciamo di si, vedo che siete in difficoltà, avete bisogno di una mano?-

-Si, grazie, non sappiamo il perchè, ma no riusciamo ad usare le zampaktou.- Rispose Rukia.

-Zampaktou? Cosa sono?-

Rukia guardò storto Eric, era strano per uno shinigami non conoscere questo nome.

-A dopo le chiacchiere, finiamo il lavoro e poi potremo discutere. Io penso a quelli di destra, Rukia a quelli di sinistra e tu a quelli sopra di noi, va bene?-

Rukia e Eric annuirono e andarono nei rispettivi settori.

Abilmente, Eric schivava e rispondeva, e gli Hollow si tagliavano in due come burro.

Eric finì rapidamente di pulire la propia zona e si diresse a dare man forte a Rukia, che sembrava in netta difficoltà rispetto ad Ichigo.

In pochi minuti, lo scontro cessò.

-Era l'ultimo.- Disse Eric, finendo di tranciare un Hollow.

-Grazie, ci hai propio salvato, chi sei?- Rispose Rukia, piegandosi affannata.

-,,, diciamo un amico, chiamatemi Zero.-

-Grazie, Zero.- Disse Ichigo, piegato anche lui dalla fatica.

Eric era l'unico che non aveva apparente fatica.

-Ichigo!!- Disse una voce.

Ichigo guardò giù e vide Ishda, Inou e Sado dirigersi verso di loro.

Gli shinigami li raggiungsero.

-Allora, ce l'avete fatta?- Chiese Sado.

-Si, tutto merito di Zero, graz...- Disse Ichigo, girandosi.

Ma Zero non c'era più.

-Zero?- Chiese Inoue.

-Uhm. Si.. era uno Shinigami.. era qui appena un'attimo fa.-

-Noi abbiamo solo visto voi due, e non avverto nessun'altra presenza in giro.- Rispose Ishida.

-Che strano..-



Eric atterrò in prossimità della zona dove era Louise e si tolse la mascherina.

Ma davanti si ritrovò Akane.

-A-Akane! Posso spiegarti tutto!- Disse facendo un piccolo saltello all'indietro.

Ma Akane non rispose, continuando a guardarsi in giro.

-?-

-Eric! Di qua!- Disse una voce alle sue spalle.

Eric si girò e vide Louise dietro ad un cespuglio che gli faceva il gesto di venire.

Senza esitazioni la raggiunse.

-Che succede?-

-Presto! Tua sorella ci ha seguiti, rientra nel tuo corpo!-

-E come faccio?-

-Fai finta di indossarlo! Forza!- Disse Luoise, alzando il corpo e tenendolo davanti a sè.

Eric rientrò nel suo corpo e cadde sopra Louise, che, per la sorpresa, non riuscì a trattenere un gracile grido.

-Maledizione! Non mi ricordavo così pesante.- Disse Eric rialzandosi.

-Eric!- Urlò qualcuno alle sua spalle.

Eric si girò di scatto e vide Akane che, sorpresa, guardava i due, uno spra l'altro.

-Akane! Posso spiegarti tutto!- Disse Eric alzandosi e tenendo le mani lontane dal corpo di Louise.

Akane guardò con rabbia Louise, poi guardò suo fratello che, senza esitazioni, prese e scappò via.

-Akane! Fermati!- Urlò innutilmene Eric.

Alla fine Louise rimase sola.



Eric e Akane si ritrovarono nei pressi di casa.

-Akane..- Disse dolcemente Eric, toccandogli la spalla.

-Cosa.. cosa ci facevate lì?!- Disse furiosa quest'ultima.

-E' stato un incidente!-

-Bugiardo!-

-Akane..-

-Stai lontana da lei! Hai capito!? Tu... tu sei solo mio... non voglio condividerti con nessun'altra donna..- Disse lanciandosi in lacrime sul fratello.

Akane provava un fortissimo sentimento per il fratello, quasi d'amore.

-Non ti preoccupare, io non sarò di nessun'altro se non tuo..- Le disse Eric, dolcemente.

-Non ti preoccupare, Akane, è stato solo un'incidente, mi era caduta una cosa tra i cespugli e Eric mi ha dato una mano a raccoglierlo, poi, per colpa dello spazio, siamo finiti uno addosso all'altra..- Disse una voce alle loro spalle.

Era Louise.

-Lo... lo giuri?- Disse Akane, guardando il fratello.

-Lo giuro.- Rispose a malincuore. Odiava mentira alla propia sorellina, ma non poteva dirle la verità.

-D'accordo.. allora vi perdono.- Disse Akane, pulendosi la faccia.

-Molto bene, ci vediamo domani, Louise.Ah, se ben ricordo abbiamo una vesta dai Kurosaki alle 18, meglio se rientriamo.-

-Ehm.. ah, si... allora.. si.. ci vediamo domani..-

-Vuoi che accompagni a casa?-

-No.. non ce nè bisogno...grazie.-

Louise si voltò e sparì dietro l'angolo.

-Molto bene, Akane, andiamo.-



Sono le 21, Eric è sdraiato sul letto, intento a studiare.

Ha passato una piacevole serata e ha fatto la conoscenza della famiglia di Ichigo.

Si sorprese di quante cose avessero in comune.

Improvvisamente il cellulare squillò.

Eric prese il cellulare.

Nessuna chiamata o messaggi.

Il telefono continuò a squillare.

Ma non era quello di Eric.

Il ragazzo si guardò intorno, chiedendosi da dove veniva.

Improvvisamente, l'armadio si aprì.

-AAAH! Ma che diavolo?!- Urlò guardando Louise.

Louise?

-Eric! Presto! Abbiamo un problema!- Urlo quest'ultima.

-Si, abbiamo un grosso problema! Che diavolo ci fai là dentro!?-

-Non cè tempo! Andiamo!- Disse mettendosi il guanto e separando Eric dal suo corpo.

-Forza seguimi!-



Dopo poco tempo, erano ai confini della città.



-Che ci facciamo qua? Perchè eri nel mio armadio?!- Chiese Eric.

-Metti la mascherina e questo auricolare, poi ti spiego tutto.- Rispose Louise, dando un auricolare per orecchio ad Eric.

Eric fece quanto detto..

-Ora?-

-Stanno per arrivare circa 50 Menos Grande, vogliono distruggere la città!-

-Ok, e quindi?-

-Dovrai affrontarli! E stai attento! Non sono Hollow qualunque! Sono molto forti! Ichigo e Rukia stanno arrivando, io ti darò supporto nell'ombra, mi raccomando stai attento!-

Eric annuì e Louise scomparve.

-Eric, mi senti?- Gracchiò l'auricolare.

-Affermativo.-

-Ottimo, il segnale è eccellente, stanno per arrivare 5 Menos Grande, questi dovrai affrontarli da solo, Rukia e Ichigo stanno per raggiungerti!-

-D'accordo, sono pronto.-

-Arrivano!-

Eric sfoderò la spada e davanti a sè, vide 5 mostruosi esseri, alti come grattacieli.

-QUELLI SONO MENOS GRANDE!?- Urlò Eric.

-E' per questo che era un'emergenza! Fai attenzione!-

Eric sorrise.

-Molto bene.- Disse caricando un balzo.

-SHOWTIME!- Urlò lanciandosi verso i Menos Grande.

 

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.