FanFiction Inferno e Paradiso | Fratelli di Akane | FanFiction Zone

 

  Fratelli

         

 

  

  

  

  

Fratelli   (Letta 640 volte)

di Akane 

1 capitolo (conclusa) - 0 commenti - 0 seguaci - Vietata ai minori di 14 anni

    

 

Sezione:

Anime e MangaInferno e Paradiso

Genere:

Altro

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Capitolo unico 

Voglio solo costruire un posto in cui tutti noi possiamo convivere felici senza guerre da combattere e dolori da scontare ... Questo è tutto ciò che voglio.


  

TITOLO: Fratelli

AUTORE: Akane

SERIE: Inferno e paradiso

GENERE: introspettivo, sentimentale, malinconico

TIPO: neutro

RATING: giallo/PG13/14+

PARTI: One shot

AMBIENTAZIONE: punto imprecisato del manga, sicuramente prima della fine (anche perché non so come finisce visto che anche in Giappone è ancora in corso ...) e dopo l'inizio ... ^O^

MODO: POV dei due Takayanagi, ovvero prima Masataka e poi Mitsuomi

DISCLAMAIRS: i personaggi e l'ambientazione non sono miei ma di Oh Great! (è l'autore del manga ...)

NOTE: non è facile seguire questo manga e soprattutto capire ogni cosa, io ce l'ho fatta solo dopo una decina di riletture avvenute nel corso degli anni ... non mi sono arresa appena non capivo 'na mazza, testardamente ho proseguito fino a capire o avvicinarmi a capire tutto quello che c'è nella storia. È complicata e penso che finché non ci sono le risposte ufficiali che immagino arriveranno solo con la fine del manga, ci sia spazio per molte interpretazioni.

Tuttavia non dico che questa piccola storia sia una mia interpretazione, non lo penso. Sono così presuntuosa da pensare che sia esattamente ciò che lega i due fratelli Takayanagi poiché piacendomi molto entrambi ho voluto andare in profondità e nelle mille riletture sono riuscita ad ottenere quello che poi ho scritto!

Bè, rimane comunque solo una mia storia ... chi sono io? Una fan sfegatata (o quasi) di questo bellissimo manga particolare!

Buona lettura

Baci Akane

PS: è probabile che farò anche un seguito dove parlerò del rapporto degli altri fratelli (e sorelle) del manga, ovvero i Natsume ... altro rapporto moooolto interessante di cui parlare!

DEDICHE: a tutti i fan di questo bel manga ...

RINGRAZIAMENTI: a chiunque leggerà e commenterà questa mia umile e semplice storia che parla di fratelli!





------------------------



FRATELLI



/Masataka/

Io amo profondamente mio fratello, tutto quello che ho fatto fin'ora era per cercare di renderlo fiero di me, per soddisfarlo e farmi accettare.

Amare.

È partito tutto solo per poter stare con lui, lui che mi aveva cacciato senza una spiegazione, con freddezza e disprezzo, quasi. Da lì mi son detto che per stare con lui avrei dovuto capire come e quindi capire lui e per far questo, ne ero certo, l'unica strada possibile era percorrere la stessa via calpestata da lui e conoscere le sue stesse persone. Nonostante sapessi la storia che lo riguarda non riuscivo a comprenderlo, mi concentravo solo sul fatto che volevo stare con lui perché era mio fratello. Perché abbiamo solo un anno di differenza ed anche se non ero mai riuscito a batterlo mi piaceva, era sengue del mio sangue e mi rifiutavo di credere che fosse veramente orrendo come tutti lo dipingevano e come le sue stesse azioni mostravano.

Quindi mi sono iscritto al club di Junken. In parte per quanto detto ed in parte perché credevo in un altra cosa. Che per farmi calcolare da lui avrei dovuto batterlo.

Io non VOLEVO batterlo ma sentivo che DOVEVO; così fu ovvio, per me, rivolgermi a quella che doveva per forza essere la sua nemica peggiore.

Maya Natsume.

Inizialmente non mi volle e fece di tutto per rifiutarmi, tutti fecero così, non capivano come mai io che non ero ancora dentro a nessun guaio mi ci volessi assolutamente mettere... ma poi io con tenacia riuscii a convincerla e mi tenne con sé.

Dopo quel punto .. bè, con immaturità ho continuato a concentrarmi sul diventare forte per batterlo, perdendo forse un po' di vista l'obiettivo iniziale, guardando solo cosa continuava a fare Mitsuomi e vedendo quanto ancora lontano fosse; poi con l'arrivo di tutte quelle complicazioni coi due nuovi primini e con Aya, mi sono fatto sempre più domande. Domande sulla forza, domande sul mio ruolo, domande sul mio vero obiettivo.

Persino Bunshinshi ha cercato di spingermi a rimanerne fuori, invidiando il fatto che nonostante fossi un Takayanagi ero fuori da quel gioco macabro del destino, al contrario di lui, di mio fratello, di Natsume ... però lui non capiva.

Non capiva proprio che io DEVO stare dentro questo destino, devo o non potrò raggiungere il mio obiettivo.

Però ora le cose sono ancora più diverse.

Credo sia grazie a tutti quelli che mi hanno cicorndato in questi anni, il capo soprattutto.

Ora è diverso perché voglio fare un altra cosa, e per questo non posso proprio permettermi il lusso di stare fuori al gioco del destino.

Devo salvare mio fratello e lo farò anche se lui non mi vede e non mi considera.

Perché lui morirà prima del tempo ed io prima di allora voglio poter fare qualcosa per lui ... contro questo destino infame ... perché nei nostri pugni, nelle nostre mani, esiste la forza per cambiarlo e forza è anche seguire questa responsabilità.

Ma sopra ogni cosa voglio farlo perché questi miei sentimenti non mi permetterebbero mai di mollare solo per proteggere me stesso mentre davanti a me tutti quelli a cui tengo, i miei amici, mio fratello, soffrono e se ne vanno in posti in cui non posso seguirli.

Voglio solo costruire un posto in cui tutti noi possiamo conviverci felici senza guerre da combattere e dolori da scontare ...

Questo è tutto ciò che voglio.

Per il capo, per Aya, persino per Nagi e Bob ... e perché no, anche Bunshinshi e i sempai provo dell'affetto profondo e vorrei poter costruire e proteggere a tutti i costi il luogo della loro felicità e che questo luogo fosse accanto a me.

Tuttavia per Mitsuomi non è solo questo, per Mitsuomi non è nemmeno solo ammirazione, stima, rispetto, invidia o quant'altro. È solo puro ed incondizionato amore ... amore riempito di desiderio di raggiungerlo per poter stare il più possibile accanto a lui.

Voglio salvarlo, impedirgli la morte prematura, voglio fare in modo che sia felice e spensierato accanto a me a godersi i suoi anni migliori. Però lui deve combattere questa guerra e metterci la parola fine e lo farà a modo suo, come ha sempre fatto ogni cosa da quando è nato.

Perché è fatto così e se non fosse in quel modo non sarebbe lui, perché lo amo così com'è e non mi importa cosa provi lui per me, se mi approvi o meno.

Importa solo che gli voglio bene e voglio far qualcosa per lui a modo mio.

Salvarlo.

Salvarlo dalle tenebre di cui ormai è circondato.

Anche se io stesso ho paura di quelle stesse tenebre che ad ogni combattimento mi sorridono tentando di divorarmi.

Ho un demone dentro che libero quando perdo il controllo di me stesso, combattendo, per questo cerco sempre di trattenermi e non lasciarmi andare.

Perché quando succede quel demone si impossessa di me e non so quando o se riesco a tornare in me, in quei momenti divento una bestia e sono inarrestabile.

Ho paura di quel demone che solo si affaccia in me quando mi arrabbio ed uso la forza, ne ho il terrore ed anche se da una parte ho sempre cercato il mio posto in questa storia, dall'altra ho sempre cercato si non liberare quella mia parte. Nonostante a volte esca da sola senza il mio volere.

Eppure so che questo trattenermi va a scapito della mia forza e del mio livello di combattente ed è sapendo ciò che ho deciso di salvare mio fratello da queste tenebre di cui è completamente divorato. Dunque se questo significa lasciarmi prendere definitivamente da quel demone, se è per lui allora che sia.

Sono pronto a tutto, come lo è stato lui.

Perché ora credo di averlo capite un po' meglio anche se non fino in fondo, non del tutto. Ci vuole ancora qualcosa e finché non sarò là vicino a lui non mi fermerò.

Andrò avanti.

Lo amo ed anche se fino ad adesso sono rimasto indietro ottenendo degli insuccessi ai suoi occhi, non ha importanza. Ora andrò avanti senza più paura.

Perché il ruolo che mi sono preso in questo film gestito dal destino, non lascia spazi per esitazioni e dubbi.

Che mi prendano pure le tenebre, io devo salvare chi amo.







/Mitsuomi/

Di chi mi circondo?

Dopo quel che è successo con Shin ho capito una cosa.

Non voglio più trovarmi nella situazione di dover uccidere demoni che corrispondono a persone che amo.

Perciò tutti i membri del gruppo esecutivo e chiunque altro io voglia intorno a me è mediocre dal punti di vista della forza distruttiva. È gente sana, in gamba, normale, che sì è forte e potenziata da me ma non ha nessun demone dentro pronto ad impossessarsi di loro.

Maya stessa è talmente normale che è impossibile per me non amarla e volerla con me. Gli ho chiesto di tornare, gli ho detto che quando avrebbe voluto l'avrei accolta ma ancora quel giorno non è arrivato e posso solo continuare ad aspettare il suo arrivo.

È per questo, per non far uscire il suo demone che ho allontanato Masataka da me, assicurandomi che non andasse con gente che mai avrebbe potuto potenziarlo al punto da trasformarlo.

Le volte che esce quella sua parte interiore distruttiva faccio sempre in modo che si fermi sul nascere colpendolo duramente io stesso, se necessario.

Se fosse rimasto con me non solo sarebbe stato in pericolo un sacco di volte per ciò in cui mi sono messo volontariamente, ma quel suo demone sarebbe uscito divorandolo.

Continuerò a proteggerlo come ho fatto fin'ora, a modo mio.

Non mi importa che lui non capisca e mi odi. Lui non deve capire, deve solo starmi lontano, da me e da tutta questa storia, per poter vivere serenamente e felice senza essere preso di mira da questa giostra impazzita.

Almeno lui.

Come non deve amarmi o i miei sforzi saranno vani.

Eppure lo invidio.

Fa la vita che avrei voluto fare io, circondato da ottimi amici.

Comunque non ha importanza, gli errori ormai sono stati fatti e non solo da me, come dice Maya non si può tornare indietro.

Però ora che si sta rafforzando tanto diventa un problema.

'Loro' l'hanno notato tanto da minacciarmi di prenderlo al posto mio, pur di controllarmi.

Ma si sbagliano se pensano che funzionerà.

Si sbagliano perché lui non lo devono toccare o i miei sforzi e le ferite che gli ho inferto saranno stati inutili.

Questo dolore nel nascondere il mio amore per lui mostrandogli il mio disprezzo deve essere servito a qualcosa e visto che hanno messo gli occhi su di lui è ora di eliminarli.

Andrò alla radice e l'estirperò con le mie mani prima che tutto peggiori.

Non era previsto.

Il mio andare da Maya a chiederle Reiki, l'allearmi momentaneamente con lei per andare nella tana di Sohaku e ucciderlo, non era previsto, ma dopo che Inoue è venuta qua per minacciarmi osando insinuare che Masataka sarebbe venuto dalla sua parte se avesse voluto, non posso più evitare e far finta di nulla, come i nostri patti fatti due anni fa, dicevano.

Non posso.

Perché lui non lo possono toccare, i patti erano che ci saremmo aiutati a vicenda come abbiamo fatto ma lasciando completamente fuori dalla storia mio fratello.

Questa minaccia gli costerà la vita.

Masataka ... con la sua semplicità ed il suo modo di fare così diverso dal mio sta arrivando lontano circondato da amici sinceri, sono contento per lui.

Se potessi scegliere di cambiare qualcosa forse chiederei di diventare come lui e stargli più vicino, aiutarlo negli allenamenti e frequentare con tranquillità i suoi stessi luoghi.

Se potessi scegliere chiederei di poter essere veramente suo fratello...

Chissà se lo capirà e mi perdonerà.

Non so se potrò avere il suo amore, non credo, non è una cosa per dannati come me ma va bene se in cambio le persone a cui tengo potranno continuare a vivere in un mondo migliore ... perché io dispongo di questo poco tempo e di questi mezzi, non ho scelta.

Andrà bene così, alla fine di tutta la storia ... quando il bel posto che sarò riuscito a costruire in cambio della mia vita lo lascerò a Masataka, andrà sicuramente bene, nonostante tutto quello che è stato per strada.

La sofferenza di tutti avrà un senso.

Nessun demone dovrà portarmi via coloro che amo come hanno già fatto con Shin.

Nessuno.

Continuerò a proteggere allontanando tutti da me.

Allontanando te, fratello mio.

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.