FanFiction Rave the groove | Memorie Di Una Primavera Perduta di _Resha_ | FanFiction Zone

 

  Memorie Di Una Primavera Perduta

         

 

  

  

  

  

Memorie Di Una Primavera Perduta   (Letta 592 volte)

di _Resha_ 

1 capitolo (conclusa) - 0 commenti - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaRave the groove

Genere:

Romantico

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Capitolo unico 

Sorvolando la Memoria Della Stella, Elie viene attirata fuori dall'aeronave da una strana sensazione. Si dirige verso il pontile, silenziosamente... quasi con incoscienza. In quella sera di


  

Non so bene come, né perché... So solo che, quella notte, mi parve di conoscere quel paesaggio da un vita.



Stavamo sorvolando la Memoria Della Stella, con l'aeronave di Ruby, diretti non-so-dove alla ricerca di un frammento di Rave.



Era già buio... credo fossero, più o meno, le 22.00. Dopo aver cenato tutti insieme, ero uscita sul pontile anteriore, attirata quasi da una forza invisibile. Non capivo cosa fosse... non capivo che tipo di sensazione stessi provando... Sapevo solo che dovevo uscire.



L'aria era fresca. Un venticello leggero mi scompigliava i capelli che, delicatamente, accarezzavano il mio viso.



Guardai il cielo... Sereno e decorato da piccole lucine brillanti. La luna grossa e rossa era bassa all'orizzonte. La sua luce riflessa illuminava il terreno sotto di noi...



Tutto aveva l'odore di una primavera senza tempo.



Mi diressi verso il parapetto, mi sporsi e vidi una distesa di nulla. Un immenso campo... vuoto... spoglio... Poco più lontano, si stagliava una roccia con una croce. Illuminata lievemente dalla luce della luna, la croce assumeva un colore rossastro, tendente al dorato.



Sentì una fitta al petto... Mi mordicchiai il labbro inferiore, osservando quel monumento così bello... così bello e così solo.



Mi pervase un insolito senso di malinconia...



Nella mia mente iniziarono a scorrere immagini e suoni.

Un falò... un falò con intorno dei bambini che si raccontavano storie.



Una ragazza che ballava, sotto la luce della luna, una melodia lenta e melanconica.



Applausi ed espressioni di stupore...



Una città in lontananza... Una città bellissima, imponente.



Un uomo ed una donna che, accucciandosi, tendevano una mano sorridendo...



Per un attimo sentì un dolore alla testa. Chiusi gli occhi. Dovetti reggermi al parapetto per non avere un mancamento. Mi toccai la fronte, digrignando i denti in una smorfia di dolore... Poi mi passò. Le immagini ed i suoni scomparvero lentamente.



Riaprii gli occhi, riguardando quel paesaggio spoglio...



Una lacrima scese lentamente sul mio volto... Con il palmo della mano la raccolsi. E, silenziosamente, scese un'altra lacrima.



Mi sentii terribilmente sola e persa... Sentivo la mancanza di qualcosa, ma non so di che cosa.



Trassi un profondo respiro, alzando lo sguardo al cielo, cercando un po' di conforto nelle stelle.



Ma quel conforto non arrivò.



Volsi le spalle al paapetto e mi lasciai accasciare...

Seduta, mi strinsi le ginocchia al petto, nascondendo il viso rigato di lacrime tra le braccia.



Poi, udii dei passi...



-Elie... tutto bene?-



Riconobbi la voce di Haru. Mi sforzai di sorridere con tutto l'entusiasmo possibile, poi alzai lo sguardo.



-Haru! Certo, sto benissimo!!! Ero uscita a frescheggiare e a godermi il cielo sereno...-



Haru sorrise e sospirò.



-Elie... Non mentire...-



-Eh?! Ma no.. davvero... sto bene!-



Sfoderai uno dei miei sorrisi a 32 denti, ma non ebbe nessun effetto...



Haru si accovacciò di fronte a me e, con delicatezza, sfiorò il mio viso.



-E, allora, cosa sono queste lacrime?-



Esitai...



Si sedette vicino a me.



-Come sono belle le stelle in primavera, vero?-



Annuii, non rispondendo.



-Ma lo sono ancora di più, quando illuminano il viso di una persona speciale...-



Non capii bene cosa intendeva.



-...Un viso così bello, non merita di essere rigato dalle lacrime...-



Mi voltai verso di lui. Stava guardando il cielo, evitado il mio sguardo.



Ebbi un fremito, quando un brivido di freddo mi percorse la schiena.



Haru mi avvolse le spalle con il braccio.



-Vieni qui...-



Mi strinse a sé. Arrossii, ma credo che non se ne accorse.

Mi sentii strana, il cuore mi batteva a mille. Potevo sentire il suo calore, il suo respiro, lento e dolce.



Mi scese nuovamente una lacrima...



-Haru... io mi sento sola... mi sento diversa...-



Mi feci piccola piccola tra le sue braccia, stringendo la sua maglia, tremando.



-Non sei diversa. Sei semplicemente speciale. E non sei sola... ci sono io con te, Elie...-



Mi carezzò i capelli, poggiando la sua testa sulla mia...



-Ci sarò sempre... fino a quando mi vorrai al tuo fianco...-



A quelle parole, alzai la testa... lo guardai negli occhi. Quegli occhi coì profondi, così sinceri.



-Rimani al mio fianco per sempre, Haru...-



Furono parole che mi uscirono spontanee. Guardando quel volto così perfetto, sentendo la sua voce calda e rassicurante, sentendo quel calore così avvolgete, non potei fare a meno di avvicinare il mio viso al suo... volevo baciarlo...



-Rimarrò per sempre al tuo fianco.. te lo prometto...-



Sfiorai timidamente la sua guancia. Lui fece pressione su di essa, come se volesse sentire il più possibile quel contatto... Con le dita tracciai i contorni del suo viso. La sua fronte, il contorno dei suoi occhi, le sue guancie... le sue labbra...



Mi strinse più forte... Chiusi gli occhi...



Potevo sentire il suo respiro sul mio viso... le sue labbra sfiorarmi la fronte, il naso, le guancie, il mento, il collo... E poi lo sentii sussurrare.



-...Elie...-



Le sue labbra si poggiarono delicatamente sulle mie. Prima sfiorandole, poi baciandole lentamente.. per poi arrivare ad un lungo bacio appassionato...



I brividi percorrevano il mio corpo, le mie guancie stavano prenendo fuoco, il mio respiro si faceva sempre più affannato... Desideravo quel bacio, più di ogni altra cosa al mondo...



Il mio Haru...



Stavo perdendo la cognizione del tempo e dello spazio, quando le nostre labbra si sciolsero lentamente.



Riaprii gli occhi... e vidi il volto di Haru, come mai lo avevo visto prima. Era straordinariamente bello. La luce della luna e delle stelle lo illuminavano donandogli un fascino magico.



Cercai d parlare, ma non ci riuscii. Haru allora sorrise.. mi abbracciò e si mise ad accarezzarmi i capelli...



Ci furono lunghi istanti di silenzio, in cui l'unico rumore erano i battiti dei nostri cuori.



I miei occhi si stavano chiudendo... In quel dolce cullare mi sentivo protetta.. protetta e amata... tanto da farmi dormire serenamente, sognando felice.



Stavo per addromentarmi... stavo bene... maledettamente bene...



Sospirai profondamente... ed Haru mi sussurrò all'orecchio...



-Ti amo, Elie...-

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.