FanFiction Host Club | Buon Natale, Kaoru! di roxy | FanFiction Zone

 

  Buon Natale, Kaoru!

         

 

  

  

  

  

Buon Natale, Kaoru! ●●●●○ (Letta 826 volte)

di roxy 

1 capitolo (conclusa) - 2 commenti - 1 seguace - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaHost Club

Genere:

Romantico

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Capitolo unico 

Questa è la mia prima fanfic che scrivo senza la mia amica Sary e la mia prima yaoi! Spero vi piaccia!! Commentate please!!


  

Questa è la mia prima fanfic che scrivo senza la mia migliore amica Sary ed anche la mia prima yaoi. È ambientata nel periodo natalizio. Poiché Tamaki proviene dalla Francia, conosce quest’usanza religiosa e , in caso non la conoscessero già, in questa fanfic fingerò che lui gliene abbia parlato. XP Chiedo scusa per eventuali errori di grammatica o di ortografia! Spero che sia di vostro gradimento!!



Buon Natale, Kaoru!





Era già da un po’ di tempo che Kaoru girovagava per le vie della città. Ogni tanto si fermava davanti alla vetrina di qualche negozio, entrava, e dopo alcuni minuti usciva, per poi riprendere a gironzolare. Era strano vedere Kaoru senza Hikaru, i due stavano sempre insieme. Ma in quella situazione era comprensibile. Infatti, Kaoru stava cercando un regalo da fare al gemello, poiché mancavano pochi giorni a Natale ed il ragazzo non aveva ancora comperato niente. Voleva regalargli qualcosa di unico, che potesse essere speciale per Hikaru. Dopo tutto lui l’amava. Sì, l’amava più della sua stessa vita. Avrebbe fatto qualunque cosa per lui. Peccato solo che il gemello era innamorato di Haruhi. Nonostante durante la prova di coraggio fosse corso da lui lasciando la ragazza sola, le cose presto sarebbero cambiate. Hikaru si sarebbe accorto dei suoi veri sentimenti e ciao! Chi si è visto si è visto! Lo aveva sempre saputo che alla fine si sarebbero dovuti separare, ma aveva sperato che questo momento sarebbe arrivato il più tardi possibile.

In quell’istante una vetrina attirò l’attenzione del ragazzo, o per lo meno, un oggetto. Si trattava di una collana. Il filo era in caucciù (si scrive così?? o_O Nda) nero e il ciondolo d’argento era a forma di cuore con incisa una lettera dorata, la k. Sarebbe stato proprio un bel regalo per il gemello. Sì, lo sarebbe stato solo se i due stavano realmente insieme, ma purtroppo non era così. Con un sospiro si allontanò dalla vetrina e riprese la sua ricerca.

Dopo un po’, un fiocco di neve gli cadde sulla punta del naso, così Kaoru guardò in alto e vide la neve che iniziava a scendere lenta. Sorrise. Gli era sempre piaciuta la neve. La trovava romantica. Sarebbe stato bello stare lì con il fratello, abbracciati e... STOOOP!! Ma che cosa stava pensando? Possibile che pensasse sempre a lui? Basta! Doveva toglierselo dalla testa!



Quando il sole tramontò, Kaoru non aveva ancora trovato nulla che potesse andar bene. Forse era ora di tornare a casa. Avrebbe proseguito la ricerca il giorno dopo. Ma, nella strada per il ritorno fu attratto da una vetrina che sembrava volergli dire “Vieni Kaoru, vieni!” Così si avvicinò per dare un’occhiata... Ma certo! Come aveva fatto a non pensaci prima? Gli avrebbe regalato un album con le loro foto! Entusiasmato da questa brillante idea, entrò nel negozio e dopo aver fatto il suo acquisto si avviò verso casa.









Intanto, a casa Hitachiin, nella stanza dei due gemelli, Hikaru guardava pensieroso fuori dalla finestra. Il sole era già calato da un pezzo e suo fratello non era ancora rientrato. Chissà dov’era finito! Possibile che dovesse sempre farlo preoccupare? E non gli piaceva nemmeno il fatto che fosse uscito senza di lui!! Kaoru non andava MAI in giro senza Hikaru! Erano sempre insieme, fin dalla nascita! Che il fratello stesse frequentando qualche ragazza?? NO!! Questo non avrebbe mai potuto sopportarlo! Era geloso? Da morire!! E che motivo aveva di essere geloso? Semplice, si era innamorato di lui. Era sbagliato, lo sapeva, e anche fin troppo bene, ma si sa che al cuore non si comanda! All’inizio credeva che con il fratello fosse tutto un gioco, giusto per passare il tempo, e con l’arrivo di Haruhi si era convinto che quella ragazza gli piaceva, anche se con gli altri faceva finta di niente. Ma si sbagliava. O meglio, gli piaceva, ma come amica, solo perché era la prima ragazza con cui avevano stabilito un rapporto d’amicizia. Ed al momento era anche l’unica che sapeva dei suoi sentimenti per Kaoru, era diventata la sua confidente. Ma adesso non ce la faceva più a non dire nulla al gemello, dover dormire ogni notte abbracciato a lui senza potergli saltare addosso era straziante.

Ad interrompere il suo flusso di pensieri, che stava prendendo una strada decisamente poco casta, ci pensò una figura fin troppo conosciuta che stava entrando nella residenza della famiglia Hitachiin. Ecco Kaoru finalmente!! Hikaru uscì dalla stanza sbattendo la porta e scese velocemente le scale, piazzandosi davanti alla porta d’ingresso.

Quando Kaoru entrò in casa fischiettando, si ritrova di fronte il gemello che lo fissava accigliato.

- Dove sei stato?- Chiese Hikaru freddo guardando torvo l’altro mentre la certezza che uscisse con una ragazza si faceva sempre più largo nella sua mente. Se no che altro motivo aveva per fischiettare in quel modo?

- B-beh.. Ecco... Avevo da fare!- Perché adesso balbettava? Dove diavolo era stato??? Hikaru era sempre più innervosito, tutta via era abile a nascondere i suoi sentimenti, così, imponendosi di calmarsi, sorrise.

- Ammettilo!! Hai la ragazza!! Perché non apri il tuo cuore a me, il tuo mitico e insuperabile fratello?- chiese con fare teatrale. Certo che i due gemelli erano degli attori nati!!!

- Ma quale ragazza!!- esclamò Kaoru sorridendo incerto.

- Allora c’è qualcuna che ti piace e sei andato a prenderle un regalo per natale? E perché non mi hai portato con te? Avrei potuto consigliarti!!-

-Ehm...- disse Kaoru non sapendo più che dire. C’era qualcuno che gli piaceva, ma il problema era che non era una ragazza, bensì un ragazzo. E non un ragazzo qualunque, ma suo fratello gemello!! Era proprio impazzito! – Perché non andiamo a mangiare? Ho una fame!- disse Kaoru tentando di sviare il discorso. Peccato che Hikaru se n’era accorto, ma decise di far finta di nulla, certo, avrebbe indagato, ma non ora. Così dopo aver sospirato e annuito, si diresse verso la sala da pranzo seguito dal fratello.







Dopo cena i due andarono nella loro stanza e, dopo essersi lavati separatamente (nessuno dei due avrebbe sopportato la vista dell’altro nudo come invece facevano un tempo) si sdraiarono sul loro letto a due piazze abbracciandosi.

- Allora Kaoru?- chiese Hikaru.- Dicevamo... C’è qualche ragazza che ti piace?- Continuò vedendo che il fratello lo guardava interrogativo.

- Uffa!! Ancora con questa storia? No, non c’è nessuna ragazza che mi piace.- In fondo non stava mentendo. A lui no piaceva nessuna ragazza.

- Bah! Come vuoi. Notte fratellino!- disse Hikaru dandogli un bacio su una guancia e chiudendo gli occhi, e così facendo non notò il rossore diffusosi sulle guance di Kaoru.

- N-notte!- disse accoccolandosi meglio sul suo petto.







La mattina seguente Hikaru uscì presto per andare con Haruhi a comprare il regalo per Kaoru, mentre quest’ultimo restava in casa per terminare l’album mettendoci delle foto.

Kaoru ci mise tutta la mattina per finire il suo lavoro, mentre Hikaru non tornò a casa nemmeno per pranzo, anzi arrivò appena in tempo per l’ora della cena con un sorrisone. Chissà dov’era stato. Non si poteva di certo dire che la gelosia non era reciproca.

I loro genitori non c’erano, erano partiti per un viaggio d’affari, e i due gemelli stavano mangiando da soli in silenzio.

- Dove sei stato?- Alla fine Kaoru aveva preso coraggio e aveva rotto il silenzio.

- Sono uscito con Haruhi, perché?- chiese Hikaru senza rendersi conto di quello che stava dicendo.

- No, niente.- disse Kaoru troncando così la conversazione.

I due non si parlarono più per tutto il giorno tranne per pochi dialoghi ai quali Kaoru metteva subito la parola fine. Hikaru non capiva cosa avesse il fratello. All’improvviso evitava il dialogo con lui. Che fosse geloso del fatto che lui era stato tutto il giorno con Haruhi? Ma no!! Non era mica innamorato di lui!! O forse sì? Beh, questo l’avrebbe scoperto presto! Si disse con un sorriso prima di abbracciare il fratello e farsi accogliere dalle braccia di Morfeo.

Kaoru, dal canto suo avrebbe voluto liberarsi da quell’abbraccio soffocante e scendere immediatamente da quel letto per andare a dormire in un’altra stanza. Dopo tutto che senso aveva illudersi ancora? Tuttavia, per quanto fosse insopportabile sapere di non essere ricambiato, non riusciva a staccarsi da quelle braccia e dal calore che emanava il corpo del gemello. Così si addormentò.







I giorni passarono e Kaoru sembrò mettere da parte la gelosa e si comportò normalmente. Arrivò la vigilia di Natale. Hikaru era nervoso. Chissà perché. La giornata passo in fretta. Dopo aver cenato con i membri dell’Host Club e avergli dato i loro regali e averne ricevuti altri, i due fratelli andarono nella loro stanza per scambiarsi i loro. Kaoru prese dal suo cassetto l’album impacchettato che porse al gemello.

- Wow!!! Grazie!!- disse Hikaru sorridendo dopo averlo aperto. – Adesso è il mio turno giusto?-

Hikaru afferò per la vita Kaoru attirandolo sorridendo. Kaoru lo guardò a bocca aperta, con il cuore che batteva fortissimo si ritrovò a fissare quegli occhi nocciola avvicinarsi sempre più per poi chiudersi poco prima che le loro labbra entrassero in contatto in un casto bacio. Kaoru credette di star sognando. Non poteva star succedendo davvero. Le labbra del fratello erano così calde e morbide. Però quel contatto finì e Hikaru riaprì le palpebre sorridendo.

- Ti amo.- disse semplicemente spostando una ciocca di capelli dagli occhi di Kaoru. Il suo cure si fermò per un attimo prima di rincominciare a battere velocemente. Lui che cosa?? O mio dio!! Non ci poteva credere! Era così felice che non si accorse nemmeno che stava piangendo.

- K- kaoru?- Domandò incerto Hikaru perdendo gran parte della sua sicurezza. Ecco lo sapeva! Aveva combinato una cazzata!! Adesso il gemello lo avrebbe odiato per tutta la vita! Quando mai aveva dato retta ad Haruhi? – S- scusa- mormorò poi lasciandolo andare ed abbassando la testa.

Kaoru si accorse solo in quel momento delle sue lacrime.

- N-no! Non c’è bisogno di scusarsi- disse abbracciandolo e posando la testa sul suo petto. – Piango perché sono felice.- Aggiunse alzando la testa sorridente e con gli occhi che brillavano. Poi successe ancora. Le loro labbra si incontrarono, sfiorandosi piano fino a quando Hikaru non spinse dolcemente la lingua fuori invitando Kaoru a socchiudere le labbra. Le loro lingue danzavano tra loro mischiando la saliva dei due gemelli. Poi, quando rimasero senza fiato, i due si staccarono.

- Anch’io ti amo.- A quelle parole Hikaru sorrise nuovamente. Sorriso che da felice si trasformò in malizioso. Un po’ troppo anche. Prese Kaoru per le spalle e lo buttò sul letto.

- H- hikaru!!- disse guardando il fratello che lo raggiungeva e si metteva a cavalcioni su lui, prima di riprendere a baciarlo con foga mentre gli sbottonava la camicia. Quella fu una notte d’amore e di passione per i due Hitachiin che si addormentarono stanchi, ma felici abbracciati.







La mattina successiva, quando Kaoru si svegliò si ritrovo Hikaru che lo fissava sorridendo.

- Buongiorno! – disse Hikaru.

- ‘giorno...- sussurrò Kaoru sbadigliando.

Poi gli tornò in mente ciò che era successo durante la notte e arrossì di botto. Hikaru si limitò a sorridere, poi si voltò e prese un pacchettino che consegnò al gemello.

- Buon Natale, Kaoru!!-

- Credevo che il regalo me l’avessi già fatto!!- disse Kaoru aprendo il pacchetto. Quanto lo aprì rimase a dir poco senza parole. Era la stessa collana che aveva visto qualche giorno prima in una vetrina, con l’unica differenza che al posto della K, aveva incisa H, come Hikaru. Sorrise e poi si fece aiutare dal fratello per indossarla.

- Grazie.- disse avvicinandosi al suo volto.

- Di niente!- I due si baciarono con passione mentre Kaoru buttava le braccia al collo del fratello. Quello non solo era il miglior Natale, ma anche il più bel giorno della vita di entrambi. O almeno, fino a quel momento!




FINE!

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.