FanFiction Ranma 1/2 | Closer di Eugenia | FanFiction Zone

 

  Closer

         

 

  

  

  

  

Closer ●●●●● (Letta 3108 volte)

di Eugenia 

1 capitolo (conclusa) - 5 commenti - 5 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaRanma 1/2

Genere:

Romantico - SongFic

Annotazioni:

Traduzione

Protagonisti:

Ranma - Akane

Coppie:

Ranma/Akane (Tipo di coppia «Het»)

 

 

              

  


  

 Capitolo unico 

Traduzione dall'inglese effettuata da Eugenia con il permesso dell'autrice, per il sito FanFiction Zone.


  

TUTTI I DIRITTI SONO

DI RUMIKO TAKAHASHI

CLOSER

(Più vicini)

 

Il giorno albeggiava ed il sole gettava la sua luce sul Tendo dojo. Il vento soffiava e portava le foglie attraverso l´aria mattutina. Ranma si asciugò il sudore dalla fronte e bevve dell’acqua da una bottiglia, attento a non far capire ad Akane che la stava guardando. Si era svegliato prima di lei per il suo allenamento ed Akane stava cominciando il proprio. Lei era nel giardino, praticando col manichino. La sua faccia diventò lievemente rossa, mentre la guardava fare i suoi esercizi, il suo corpo magro che si inarcava tra i raggi del sole. I suoi bei capelli ondeggiavano mentre lei cominciava a dare alcuni pugni al manichino. Ranma si trovò rapito dalla vista di fronte a lui. Si sedette e finse di non guardarla. Lei stava dando calci e Ranma guardò come i suoi colpi colpivano il manichino. 


Akane continuò a calciare il manichino, consapevole che Ranma la stava guardando. Senza una ragione, si allenava con più impegno ogni qualvolta Ranma era intorno. Poteva sentire i suoi occhi su di lei, sebbene fingesse che non lo stava facendo. Akane sentì la sua faccia diventare rossa al pensiero che Ranma la stava guardando intensamente. 


Stordito dal fiotto di sentimenti che lo riempivano guardando Akane, si alzò e si avvicinò. Il tempo che gli ci volle per arrivare ad Akane gli sembrò un´eternità, i suoi passi erano lenti, mentre si avvicinava a lei, il cuore gli batteva nel torace. Sentì all´improvviso caldo ed era grato del fatto che stava portando una camicia senza maniche. 


Akane guardò Ranma che camminava verso di lei con l’angolo dell’occhio, assicurandosi che lui non lo notasse. Sentì perdere i colpi qualche volta, mostrando la sua mancanza di concentrazione, ma adesso il centro della sua attenzione era sulla persona che camminava lentamente verso di lei. 




Ranma vide come i colpi di Akane cambiarono improvvisamente. Akane si fermò in un mezzo-calcio quando Ranma era a pochi centimetri da lei. Si girò e gli sorrise, spedendo la sua mente in aria. Lei si rivolse di nuovo al manichino e continuò il suo allenamento, i suoi colpi erano evidentemente più forti di prima. 


"Ti va di combattere ?" disse Ranma, aspettando la risposta di Akane. Si sentiva strano ad averle chiesto così di fare un combattimento; di solito tutto cominciava con lui che la faceva arrabbiare ed Akane che cominciava la lotta. Era davvero bello, non doverla provocare per fare a pugni. 


Akane fu presa alla sprovvista dalla sua domanda e lo nascose con un piccolo sorriso. "Uhm, va bene... " 


Si affrontarono l´un l´altra, un po´ goffi per questo inizio pacato. Presero delle posizioni difensive e si guardarono con attenzione, attendendo la mossa dell’altro. 


Cominciò Akane e corse, il suo pugno era diretto per colpirlo sulla faccia. Ranma si scansò ed aspettò un breve momento per permettere ad Akane di recuperare, lui provò una spazzata e non fu sorpreso quando Akane saltò, scavalcando i suoi piedi. Loro si scambiarono colpi per un po’, nessuno dei due in vantaggio sull’altro.


Akane osservò che Ranma stava tirando i suoi colpi e facendo le sue mosse più lentamente. * Così pensa che io non sia veloce abbastanza, bene vedremo. * Per una volta, quel pensiero non alimentò la sua rabbia, ma invece fu sostituito da un caldo sentimento di allegria. Sorrise al pensiero e tentò con più impegno di colpirlo almeno una volta. 


"Coraggio Akane, puoi fare meglio di così! " Disse Ranma, con un po’ di scherno nella voce. 


Akane gli rispose dicendo, "Questo è solo l’inizio! " 


Un ghigno si dipinse sulla faccia di Ranma, che decise di non risponderle. Akane rispose al silenzio di Ranma con un sorriso dei suoi, che gli fece bruciare il cuore. 


Ranma ammirò la forza di Akane mentre lottava con lui. Poche donne potevano possedere la forza e la bellezza di Akane, sebbene c´erano alcune guerriere donna in Nerima. C´era una cosa che separava Akane dalle altre donne che lui ha conosciuto. Loro non erano lei. La risposta era semplice, sebbene non fosse così semplice da spiegare ad un´altra persona. Lui teneva a lei per quello che lei era, per essere la bella e violenta Akane, nella quale aveva sempre fiducia. Ranma ebbe una spinta improvvisa di cadere e di tirare ´accidentalmente´ Akane con lui a terra, e prima che potesse pensare ad altro, capì che aveva fatto quello che aveva pensato. 


Akane lanciò fuori un gemito mentre Ranma la stava tirando improvvisamente a terra sopra di lui. Lo aveva visto perdere l´equilibrio e aveva tentato di aiutarlo, ma fu solo trascinata insieme a lui. Il tempo si gelò e loro si guardarono l´un l´altra negli occhi, un´aria di incertezza passava su di loro. Ranma tentò di alzarsi ma quello portò solamente le loro facce arrossite a pochi centimetri. Rimasero in quella posizione per un po’, godendo il calore che passava tra di loro. I loro occhi si incontrarono ed ci fu un breve scambio di quello che potrebbe essere descritto solo come calore, che passò tra di loro. 


Il silenzio si interruppe quando Akane disse, di malavoglia, "Uhm, faremmo meglio ad alzarci, uhm, nel caso che Oneechan e gli altri ritornino". 


Ranma fece un riso soffocato e scomodo, e rispose, "Sì, noi non vorremmo che pensassero che noi eravamo, uhm... noi eravamo... uhm... lo sai. " Lei accennò col capo in accordo e si alzarono in piedi, lentamente, mentre Akane aiutava Ranma ad alzarsi. 


"Io resto qui... " Disse Ranma mentre Akane stava uscendo. 


Prima di andarsene, Akane si girò e gli disse, "Uhm, Ranma? " 


"Sì? " 


Il sorriso di Akane si allargò e disse, " La prossimo volta... non essere troppo ovvio." 


Il sorriso di Ranma si affievolì e lui soffocò udibilmente. * L’ha capito!!!! * la sorpresa se ne andò in un istante e mentre guardava la sua forma attraverso il sole che sorge, un sorriso quieto splendette sulla sua faccia ed urlò con una voce dolce, "Brutto maschiaccio!! " 


Akane gli gettò uno sguardo, sorridendogli con dolcezza, "Pervertito! " e corse su alla sua stanza prima che lui la vedesse diventare rossa, il suo cuore che volava in alto. 


Ranma guardò fuori all´orizzonte e pensò, * Non ti preoccupare Akane... la prossimo volta, lo farò meglio. * Il pensiero fece nascere un sorriso sulla sua faccia e camminò casualmente verso la casa, i suoi passi veloci ed una canzone sulla mente. 


´The closer I get to touching you, the closer I get to loving you, just give it time, just a little more time, and we´ll be together, you and I...´ 


(Più vicino arrivo a toccarti, più vicino arrivo ad amarti, solo dagli del tempo, solo un po’ più tempo, e noi staremo insieme, tu ed io... ) 


-Fine-




Note dell’autore: 
Bene, io spero che vi sia piaciuta. Solo una manciata di persone conosceranno la canzone sulla quale ho basato la storia, si intitola ´Closer´ ed è una vecchia canzone. Le ultime parole nella storia erano solo una parte della canzone. Bene questo è tutto, commenti, critiche e suggerimenti sono benvenuti a becknkal@addax.bc.ca 

- Kiwi ^ _ ^ 

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.