FanFiction Gundam Wing | UN SENTIMENTO CHE ATTRAVERSA LO SPAZIO di kai90 | FanFiction Zone

 

  UN SENTIMENTO CHE ATTRAVERSA LO SPAZIO

         

 

  

  

  

  

UN SENTIMENTO CHE ATTRAVERSA LO SPAZIO ●●●●● (Letta 1220 volte)

di kai90 

6 capitoli (in corso) - 3 commenti - 2 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaGundam Wing

Genere:

Romantico

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 1- LA LETTERA 

Ok! Ok! Per il titolo ho preso spunto dal film di Inuyasha...però, secondo me, si avvicina molto al contesto della storia! Non introduco nulla! Solo che é una fic HeeroxRelena! Bascioniiiiiii!!!!!!


  

Hao a tutti! Eccomi con una nuova fiction su Gundam Wing! Ho letto di recente il manga (anche se già lo conoscevo!) e ho sentito il bisogno di scrivere una fic sull’amore nascosto, molto nascosto, tra Heero e Relena! Mi sembrava opportuno dato che i momenti rosei tra loro due sono rari e quasi, dico quasi, insignificanti. Quindi spero che vi piaccia, quanto quella di Inuyasha! Ora vi lascio! Buona lettura! E commentate please! Bascini bascioni Kai90!
******************

Ormai, erano trascorsi poco più di due anni da quando Heero non aveva più fatto ritorno sulla Terra: era rimasto sulle colonie ad aiutare quella povera gente, durante il dopoguerra. E Relena, ne sentiva la mancanza; eccome se le mancava. Chissà se era cambiato durante quegli anni: chi può dirlo? E chissà se i sentimenti che provava per lei erano cambiati. Non lo poteva sapere. Relena se ne stava davanti ad una finestra, mentre questi pensieri le offuscavano la mente. Anzi, mentre LUI, le offuscava la mente. Ormai aveva deciso: gli avrebbe scritto una lettera e gliela avrebbe fatta recapitare. Era l’unico modo per ricevere una risposta e per avere, per così dire, un momento d’intimità con lui. Fu così, che si sedette alla sua scrivania, prese la penna, un foglio e diede sfogo ai suoi pensieri, ai suoi ricordi, alle sue speranze:
“ Caro Heero,
è incredibile come un solo incontro abbia cambiato la mia vita. Già…mi è bastato incontrare te, per poter cambiare. Mi è bastato incontrare i tuoi occhi, per rendermi conto che non avrei più potuto farne a meno. Si, lo so. Probabilmente ora, leggendo queste parole, ti starai prendendo gioco di me, della mia pazzia nell’averti mandato questa lettera. Eppure a me non importa. Ciò che conta davvero per me, è togliermi questo peso che mi perseguita di giorno e prende il posto dei miei sogni la notte. Qual’è questo peso? Ebbene, caro Heero, la verità è che ho paura. Paura di averti perso. Paura di dirti ciò che provo per te. Perché…io ti amo Heero. So che tutto questo può sembrarti assurdo, ma è così. Inoltre, c’è una domanda che mi assilla, una domanda che qualsiasi persona innamorata si pone: tu, provi lo stesso per me? Solo questo. Ora attenderò una tua risposta con ansia ed inquietudine. Nel frattempo, continuerò ad adempiere al mio dovere, cosicché non ci siano più guerre e tu non debba più separarti da me.
Con affetto
Relena Peacecraft ”.

Sulle colonie, Heero e gli altri piloti di Gundam, stavano partecipando ad una “riunione” che comprendeva biscotti ed una tazza de the ( stile Rareba!).
D: “Ragazzi! Avevo proprio bisogno di una pausa! Con tutto il lavoro che c’è da fare, non ho neanche più il tempo di riposarmi!”
Ra: “ Riposarti? Ma se non fai altro, anche quando dovresti lavorare? Comunque sia, ne è valsa la pena!”
T: “ Già…finalmente le colonie possono vivere serenamente…”
W: “ Chissà, invece, come va sulla Terra? Ormai sono due anni che non ci torniamo…”
D: “ Ma se eri tu, che non vedevi l’ora di andartene? AAH! Ti manca la tua amica Sally Po?”
W: “ Collega! Se non ti spiace! E poi non farti strane idee, che ti conosco! -////- “
D: “ Se se…però…a proposito di Terra e ragazze…Heero? Come va con Relena? Ormai è un pezzo che non ti fai sentire! Sarà preoccupata!”
H: “ Questi non sono affari tuoi…e comunque, di sicuro avrà molto da fare…”
D: “ Ma va! Che quella ha sempre tempo per te! Anzi, non aspetta altro! Oh! Aspetta! E se nel frattempo fosse arrivato uno di quei ricconi viziati e te l’ha soffiata? Nonno! Qui bisogna applicare una terapia d’urto!”
H: “ L’unico urto che vedrai applicato, sarà sulla tua testa per mezzo del mio pugno, se non la smetti!”
Ra: “ Non ti conviene contraddirlo! Però…in effetti c’è della verità in quello che ha detto…voglio dire…forse dovresti farti sentire, o che so, mandarle una lettera…”
Ad un tratto il discorso venne interrotto dall’arrivo di un messo, che porse una busta a Heero, per poi andarsene.
Ra: “ Una lettera? E di chi?”
H: “ Di Relena…”
D: “ Caro Heero, quella ti ha già battuto sul tempo! Oltre che sveglia è anche una santa! Io te lo avevo detto che aspettava solo il momento in cui tu la chiamassi…ma tu nooo!AHIOOO!” come da previsto ricevette un pugno in testa da Heero, che uscì in silenzio dalla stanza.
Ra: “ Anche io te lo avevo detto, ma anche tu noooo…”
D: “ Ho capito, ho capito! Certo che siete proprio di una simpatia voi! Se non fosse per me…pensa che abbiamo anche un pagliaccio e quello li è il più musone di tutti!”
T: “ Ah! Ah! Ah! Ah!“
W: - Questo é matto da legare...-.
Heero, nel frattempo, si era chiuso in camera dove lesse la lettera. Finito questo, si sedette alla scrivania e scrisse la risposta. Quindi tornò dai ragazzi.
H: “ Sentite, io dovrò andare sulla Terra per un po’. Ce la farete senza di me?”
D: “ Per chi ci hai preso? Va pure dalla tua bella e divertiti! Senza esagerare ovviamente…su su! Ancora qui sei?”
Ra: “ Ma per chi l’hai preso? Per un maniaco? E comunque, ti conviene darci una mano!”
H: “ Wu-Fei? Se fa lo sfaticato, ti concedo di prendere il mio posto e di picchiarlo…”
W: “ Bene! Almeno mi diverto!”
D: “ Ehi! Ma che fate? Le congiure alle mie spalle?”
H: “ No. In diretta, così ti regoli. Ciao.”
Ra: “Ciao. Ah! Salutaci Relena!”
H: “ E quando mai avrei detto che sarei andato da lei?”
D: “ Se posso esporre la mia opinione…” – STONK!-
W: “ No, non puoi.”
D: “ Gnn…gh…grrrr!”.
Sulla Terra, Relena si trovava nella sua stanza, quando ad tratto, sentì bussare alla porta. Era il suo maggiordomo ( credevate, eh?).
M: “ Scusi se le arreco disturbo, signorina Relena. C’è una lettera per lei.”
R: “ Grazie mille…” ed aspettò che uscisse, per poi aprire la lettera. Era di Heero.
Impaziente, ma anche spaventata del contenuto, la lesse, ma subito si stupì delle parole che conteneva: “ Guardati alle spalle”.
Relena di scatto, si voltò verso la porta della sua stanza, si avvicinò e l’aprì….
CONTINUA
************************
Ha-ah! Vi lascio con la suspense! Spero vivamente che vi piaccia!!!! Ringrazio in anticipo quelli che avranno la bontà e il coraggio di leggerla! Commentate! ( anche se fa schifo!).
Haoooo! Bascini bascioni! Kai90

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.