FanFiction La stirpe delle tenebre | Sentimenti nascosti di The_Dreamer | FanFiction Zone

 

  Sentimenti nascosti

         

 

  

  

  

  

Sentimenti nascosti ●●●●● (Letta 1062 volte)

di The_Dreamer 

1 capitolo (conclusa) - 1 commento - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaLa stirpe delle tenebre

Genere:

Romantico

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Capitolo unico 

Pensieri dei due protagonisti in un pomeriggio di pioggia Personaggi principali e/o coppie: Hisoka-Tsuzuki


  

Malinconia. Sì,credo sia questa la parola atta a descrivere ciò che percepisco questo pomeriggio. Ma non è mia, è di Tsuzuki. Sembra che la pioggia gli ricordi il suo oscuro passato,così come accade per me con i fiori di ciliegio. E la persona che scatena il nostro dolore è la stessa. Colui che mi uccise maledicendomi, è riuscito a ferire anche Tsuzuki... “Amo i tuoi occhi, tanto belli quanto pericolosi...gli occhi di una bestia indemoniata!”
Quel medico ha sempre le parole giuste per trucidare la gente
Guardo Tsuzuki, seduto alla finestra, contro il vetro su cui martella la pioggia.
I suoi occhi sono stupendi. Non vi vedo altro che bellezza, velata dal dolore. Mi avvicino silenziosamente a lui. Percependo la mia presenza, si volta e mi sorride. Un sorriso triste. Non posso fare a meno di toccargli il braccio. Per una persona comune, ciò sarebbe un gesto di conforto. Io invece vengo colpito, travolto dai suoi sentimenti, quasi palpabili. Barcollo, le emozioni sono troppo intense. Cerco di riprendere il controllo, ma lui se ne accorge. Sento una sua mano sulla guancia. Il cuore manca un battito.
-Non piangere- , le sue braccia mi circondano. Solo ora mi rendo conto di avere il volto bagnato di lacrime. Poggio il capo sulla sua spalla, liberando il dolore che invece lui trattiene. Mi bisbiglia : -Non dovresti sintonizzarti sul mio cuore- .
–E’ colpa tua, che fingi di essere allegro!- esclamo tra i singhiozzi.
Che stupido sono! Ogni volta che voglio essere gentile con lui, finisco invece per mostrarmi freddo... se solo lui potesse leggere nel mio cuore come accade a me col suo, capirebbe che è la persona più importante per me. L’unica che non mi evita, che non ha paura del mio potere, della maledizione che porto. L’unica che mi dimostra affetto, anche se vorrei mi amasse come lo amo.
Ecco, sono finalmente riuscito a formulare questo pensiero. Lo amo. Ho sempre evitato di ammetterlo, anche a me stesso. Per Tsuzuki sono un ragazzino bisognoso d’affetto, il suo partner di lavoro. E così ho paura, paura di leggere nei suoi occhi un rifiuto. Se solo questo abbraccio nel quale mi acquatto fosse mosso dall’amore...
Lo sento mormorarmi parole rasserenanti, mentre dovrei essere io a confortarlo. I singhiozzi che prima mi scuotevano si sono calmati, solo le lacrime continuano a sgorgare, abbondanti, dai miei occhi. I suoi sussurri, il suo profumo di fiore selvatico, il calore del suo abbraccio fungono da sonnifero, e finisco con l’addormentarmi.



Mi sono di nuovo lasciato andare al dolore, a causa dei ricordi che mi hanno inghiottito. Muraki ha ragione, sono un mostro, appartengo alla Stirpe delle Tenebre. E’ inutile ribellarmi alla mia natura, finirò con l’uccidere nuovamente le persone a cui tengo, come ho già fatto...
Non voglio! Il capo, Watari, Tatsumi, i Gushoshin... Hisoka. No, non ucciderò mai Hisoka. Preferisco morire. Ma riuscirò ad evitare la sua morte? La mia anima è logorata da questi sentimenti.
Poi torna la malinconia, fedele compagna del mio esistere, immancabile quando piove. E avverto Hisoka, dietro di me. Gli sorrido, è un sollievo che non sia entrato in questa stanza mentre ero preda degli orrori passati!
Mi posa una mano sul braccio. A quanto pare ha captato il mio dolore, ma toccandomi ne percepisce la profondità, e barcolla. Cerco di concentrarmi su qualcosa di lieto. Troppo tardi. Le lacrime rigano il suo bel viso. Gliele asciugo, e lo vedo arrossire, confuso. Mio piccolo Hisoka!
Gli apro le braccia, lui si lascia cingere. Di solito non ama le dimostrazioni d’affetto, ma ora non posso evitare di stringerlo a me, per placare i singhiozzi che lo scuotono. Non dovrebbe sintonizzarsi sul mio cuore. Glielo dico, e lui ribatte che mi nascondo dietro una falsa allegria. Ha ragione, come sempre.
Abitualmente quando piove mi rintano in questa stanza, chiudendola con un kekkai, e non ne esco finché non sto bene. Ma oggi, in perlustrazione per un nuovo caso, io e Hisoka abbiamo incontrato il dottor Muraki...e non ho sbarrato la porta, esponendo Hisoka al mio dolore. So bene che la sua empatia è immensa. Perciò cerco di consolarlo, non avendogli evitato questa tortura.
Gli mormoro che non deve piangere, che non è colpa sua se sto male, che mi dispiace vederlo così. E i singhiozzi si placano. E’ così innocente e puro... vorrei che il mio abbraccio potesse proteggerlo da tutti. Ma la prima persona da cui dovrei proteggerlo sono io stesso. “Amandolo sarai la causa stessa della sua morte, perché tu hai le tenebre nel cuore” . Le parole di Muraki mi hanno scosso profondamente...è davvero possibile che il mio amore possa uccidere Hisoka? Forse ciò è di quanto il dottore vuole che mi convinca.
Immerso in questi pensieri, non mi sono accorto del suo respiro regolare. Non sento più le sue lacrime inumidire il tessuto della camicia. Con la testa contro il mio petto, sembra essersi addormentato.
Esito a portarlo sul letto, temo di svegliarlo. Poi decido di trascorrere la notte così, abbracciandolo. Sicuramente al suo risveglio mi prenderà per un pedofilo, e avrà ragione. Come può un novantenne come me innamorarsi di un adolescente? Eppure Hisoka è così puro e sensibile che non posso comportarmi altrimenti. Già tenevo a lui, quando nel nostro primo caso comune Muraki lo aveva preso, ma poi ho iniziato ad amarlo dopo lo scontro col diavolo Surgatanus. I miei sentimenti per lui crescono di giorno in giorno, ma li faccio apparire come semplice affetto, per non far scappare Hisoka. Forse sono davvero un pedofilo, ma l’amore che nutro per lui potrebbe essere la chiave della sua salvezza...



Owari

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.