FanFiction Shadow Lady | Shadow Lady e le luci della ribalta di Rik | FanFiction Zone

 

  Shadow Lady e le luci della ribalta

         

 

  

  

  

  

Shadow Lady e le luci della ribalta   (Letta 620 volte)

di Rik 

5 capitoli (conclusa) - 0 commenti - 0 seguaci - Vietata ai minori di 14 anni

    

 

Sezione:

Anime e MangaShadow Lady

Genere:

Azione - Erotico

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Prologo 

 


  


Il vento fischiava poderoso in un altopiano scosceso, in cui gli stretti sentieri salivano e scendevano tra crepacci e guglie. Sembrava quietarsi oltre una certa altezza, dove si innalzava un pinnacolo di roccia. Il pinnacolo era di forma quasi cilindrica ed alla sua sommità si aprivano delle finestre quasi perfettamente rettangolari da cui proveniva una fioca luce.
Una creatura era illuminata in quella luce, un essere di poco più di un metro, di forma umana ma del color della pece. Era magrissimo, aveva un paio di corna affusolate sulla testa ed una lunga coda terminante con un pungiglione. Il suo viso era lungo ed i suoi occhi grandi. Non indossava vestiti, né aveva pelliccia, ma il suo corpo sembrava avere la consistenza della corazza di un insetto.
Fissava interessato fuori dalla finestra: si distingueva in lontananza una figura che stentava ad avanzare controvento. Era una ragazza bellissima, bionda, dagli occhi vispi elegantemente truccati, con una elaborata acconciatura a punte che resisteva inspiegabilmente alle raffiche di vento. Vestiva un abito cortissimo con uno spacco sull'abbondante seno.
L'essere sorrise nel vederla coprirsi gli occhi e cercare di orientarsi nel vento. "È Shadow Lady." commentò a bassa voce.

Si udì un rumore provenire dal basso. L'essere si allontanò dalla finestra. La ragazza dagli occhi vispi apparve salendo i gradini di una scala; il suo vestito si era trasformato: ora indossava un cortissimo vestito rosa guarnito con strisce di stoffa del medesimo colore, piegate ed arricciate in modo da ricordare la forma di un fiore. Aveva un bizzarro copricapo la cui forma ricordava un pistillo circondato dagli stami. Portava lunghe calze verdi e stivaletti del medesimo colore e lunghi guanti viola che arrivavano fino alle pieghe del vestito.
"Benvenuta, Shadow Lady" disse l'essere "io sono Makuberu, chiamato il Signore del Tempo. Ti attendevo con ansia."
Una voce replicò dalle spalle di Shadow Lady.
"Con questo vento, abbiamo rischiato di non arrivare affatto."
La voce apparteneva ad un essere minuto, con ali da pipistrello e piccole corna, aggrappato ed avvolto dalle pieghe dell'abito della ragazza.
"Buongiorno, Demo" lo salutò Makuberu serenamente.
"Non penso che il vento sia colpa sua, Demo." osservò Shadow Lady.
"In effetti non lo è" intervenne Makuberu "ma è opera mia. Con esso trasferisco energie magiche fredde ai demoni del fuoco e calde verso i demoni dei ghiacci. È necessario evitare che le energie della stessa natura si accumulino nello stesso luogo o i demoni non potrebero più viverci. È il mio lavoro da molti millenni." Fece una pausa.
"Ma veniamo a te, giovane Messaggero" disse rivolto a Shadow Lady "tu sei qui per le pietre del diavolo. Coraggio, mostramele."
Shadow Lady stese un braccio. Sul guanto poco sotto il polso c'era una pietra dall'aspetto del quarzo. Si illuminò generando un breve fascio di luce di forma conica, dentro il quale apparve un contenitore dall'aspetto quasi cilindrico con due manici. Shadow Lady lo afferrò con l'altra mano e la luce della pietra si estinse. Lo strinse di fronte a sé e fissò Makuberu.
"Qui i diavoli non possono attingere alla cupidigia umana." disse il Signore del Tempo "Prendile senza timore."
Shadow Lady scoperchiò il contenitore e ne trasse una pietra liscia e lucida.
"Unite in una sola" commentò Makuberu "come sarà all'avvento del Diavolo della Distruzione."
Tese il braccio e prese la pietra dalla mano della ragazza.
"Torneranno come erano in pochi mesi, me ne occuperò personalmente."
"Vuoi dire che io non devo fare altro?" chiese la ragazza con sorpresa e sospetto.
Makuberu sorrise "Torna tra gli uomini, Shadow Lady. E' tempo che il Messaggero del Sovrano del Fuoco intervenga perché tra di essi non si diffonda la cupidigia ed essa non arrechi danno al mondo dei demoni."
Alzò con un ampio gesto un braccio e nella parete di fronte alla creatura si aprì un varco. Da esso si accedeva ad un vicolo deserto, stretto, sporco e buio.
"Arrivederci, Shadow Lady" disse Makuberu invitando con un gesto la ragazza ad attraversare il passaggio "informerò il Sovrano del Fuoco che è stato per mio desiderio che hai fatto ritorno nella tua città. Immagino che sia quello che anche tu desideri."
Shadow Lady annuì. "In effetti manco ormai da un mese e, senza offesa, ci sono abitudini per la pulizia personale che voi demoni non usate e che a me riescono difficili da queste parti..."
"Dunque, va." la esortò Makuberu.
Shadow Lady attraverò il varco e Demo la seguì pochi istanti dopo. Quando il piccolo demone vi fu entrato, il varco svanì come un'immagine riflessa nell'acqua che viene agitata.
"Ella riuscirà" sussurrò il Signore del Tempo come parlando a se stesso "perché io l'ho eletta a compiere ciò che deve essere fatto."

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.