Commenti

         

 

   

 

 

   

    

Elenco commenti per «Fino a quando tu»

  

Autore della storia: SexOnTheCity

 

  

Lola_357

Commento inserito il 12/09/2007 

  

Beh mary mi ha tolto le parole di bocca! Non ho altro da aggiungere se non ribadire tutto quello che ha detto! Troppo bella, profonda e toccante!Mi viene sempre il magone ma resto altrettanto affascinata!Complimentissimi!Lola

(riferito al capitolo «Unico»)              

  

  

  

MarySaeba92

Commento inserito il 12/09/2007 

  

Allora, innanzitutto la mia bocca dopo questa meravigliosa shot è diventata priva di saliva, e non sto scherzando. Lo sai che mi è quasi sembrata una canzone? Mai pensato di metterla in musica, ti assicuro che io me la canticchiavo mentre la leggevo...non c’è molto da dirti, sei grandiosa...non ho idea di come certe parole possano scivolarti dalla penna e dare vita a creazioni di cotanto splendore...poi quelle piccole ma toccanti frasi a destra della pagina in corsivo...dire che mi fanno venire i brividi lungo la spina dorsale è un modo che sminuisce ciò che davvero ho provato mentre terminavo la tua shot...è incredibile come le poche righe che scrivi siano in grado di suscitare in me tante emozioni...la tristezza, la commozione, la malinconia di un amore vissuto solo per poco, di un materasso che davvero ha potuto ospitare due anime e due corpi ritrovatisi dopo tanto tempo per rari momenti...anfratti di una vita che comunque rimarrà nell’animo di Ryo, essere disperato e che nonostante la vita frenetica che ogni giorno lo circonda, non sa ancora trovare pace dopo la morte di Kaori. Il fatto che insieme abbiano salvato tante persone, le anime buie in volto, ogni dettaglio non ha più significato perché non c’è più luce che possa illuminarlo. Okay, so che ti starai chiedendo quale sia il mio spacciatore...è anche il caso che la smetta di accozzare termini uno sopra l’altro per dire semplicemente che...è divina. Comunque, solo tu potevi fare in modo che anche la ragnatela impolverata risultasse magnifica!Per non parlare delle parole nel finale: fino a quando il tuo volto sarà la mia luce e non di luce sarà fatto? Non ho parole...te l’ho detto, sono sbalordita.

(riferito al capitolo «Unico»)