FanFiction Due fantagenitori | Fuga dal paese dei Balocchi di AndreaMicky | FanFiction Zone

 

  Fuga dal paese dei Balocchi

         

 

  

  

  

  

Fuga dal paese dei Balocchi   (Letta 150 volte)

di AndreaMicky 

1 capitolo (conclusa) - 0 commenti - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Comics e CartoonsDue fantagenitori

Genere:

Fantasy

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Timmy Turner - Chloe Charmicael - Cosmo e Wanda

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Fuga dal paese dei Balocchi 

Ecco la versione moderna di una celebre scena del romanzo di Collodi.


  

Fuga
dal paese dei Balocchi



by Andrea Micky







Il
sole stava sorgendo nel cielo di Dimmsdale, quando si udì
distintamente un gallo cantare.



Il suono acuto penetrò anche
nella camera di Timmy Turner, svegliando lui e i suoi padrini fatati.


Da
quando i vicini hanno un gallo?” domandò sorpresa Wanda.


Da
quando Chloe ha deciso di provare le nuove sveglie ecologiche”
spiegò Timmy, balzando fuori dal letto tutto pimpante.


Anche
noi ne avevamo una, ma ieri sera mi é venuta fame e così, l´ho
mangiata” disse tristemente Cosmo, masticando gli ingranaggi di una
sveglia.


Come
mai sei così mattiniero? Di solito il sabato poltrisci fino alle
dieci” notò Wanda.


Oggi
io e i miei genitori andremo a Sballolandia, il più divertente luna
park del mondo e ci staremo tutto il giorno” spiegò eccitato il
ragazzino.


Allora
oggi staremo con Chloe, che per fare un favore al direttore dello
zoo, deve badare ad alcuni esemplari di feroci tigri bianche”
ricordò Cosmo, consultando il calendario.


Oppure,
io e Cosmo potremmo starcene da soli, parlando di come potremmo
migliorare il nostro rapporto” propose Wanda, facendo gli occhi
dolci al marito.


Scusa
cara, ma quelle feroci tigri bianche mi stanno chiamando” disse
Cosmo, prima di svignarsela con una magia.








Quello stesso pomeriggio, poco
dopo che l´inserviente dello zoo era venuto a riprendersi i felini,
Chloe notò la macchina dei Turner percorrere il loro vialetto di
casa.



E quando Timmy scese, aveva la
faccia scura quanto un temporale.



Allora Chloe gli si avvicinò e
gli chiese “Timmy, come mai siete già tornati?”.


Siamo
tornati perché Sballolandia era in realtà Fregaturalandia” spiegò
stizzito Timmy.


Non
é che siete andati nel posto sbagliato?” domandò Cosmo, dopo che
lui e Wanda avevano assunto le sembianze di 2 farfalle.


Intendevo
dire che quel luna-park faceva pena. Tutte le attrazioni erano
scadenti” precisò Timmy.



FLASHBACK:



Timmy é sopra un lento trenino
delle montagne russe, che viene superato da una lumaca.



Timmy cerca di sparare con una
pistola ad acqua otturata, che si libera solo quando lui ci guarda
dentro, inzuppandosi da capo a piedi.



Timmy é su una macchinina
dell´autoscontro, che anziché partire salta in aria.


Mi
spiace che la tua giornata non sia andata bene. C´é qualcosa che
possiamo fare?” gli chiese gentilmente Wanda.



Il ragazzino rifletté per alcuni
secondi, prima di risponderle “In effetti una cosa ci sarebbe”.



Intuendo ciò che sarebbe
successo, Chloe domandò “Posso partecipare anch´io?
Un´associazione per l´infanzia con cui collaboro sta cercando un
posto dove portare in gita una comitiva di orfanelli”.


Certamente,
Chloe” acconsentì Timmy, che disse “Cosmo, Wanda, vorrei che io
e Chloe finissimo nel miglior luna park mai immaginato”.



Le bacchette dei due padrini
fatati scintillarono, prima di trasportare il gruppetto davanti
all´entrata di un un grandissimo luna park.



A dar loro il benvenuto, c´era un
omino di mezza età piuttosto grasso, che, facendo un solenne
inchino, disse “Benvenuti nel mio luna park, dove il divertimento
non manca mai”.







Wow,
questo posto sembra divertente” ammise Timmy.


Se
non sbaglio, siamo in Russia. E più precisamente, nel
Pa...pa...e...se d...de...i” disse Cosmo, cercando di leggere
l´insegna con su scritto il nome del parco.


Veramente
siamo in Italia. Ma questo non ha importanza. L´unica cosa che conta
é che questi 2 bambini si divertano” l´interruppe l´omino,
spingendo Timmy e Chloe dentro il parco.


Se
tutto andrà bene, raccomanderò il vostro parco ad un´associazione
benefica per l´infanzia” promise la ragazzina.


Ma
bene. Più bambini ci saranno, meglio sarà” disse l´omino.


A
proposito...come mai ci siamo solo noi due?” chiese Timmy.


Perché
l´ultimo gruppo di ragazzi ha finito il turno e fra non molto, ne
arriverà un altro” spiegò l´omino.


Capisco”
disse Wanda, squadrandolo con una certa diffidenza.








Poco dopo, mentre Timmy e Chloe
si divertivano, Wanda e Cosmo tenevano d´occhio l´omino.


Perché
sei così diffidente Wanda? Quel tipo é simpatico” disse Cosmo.


Non
lo so, ma in lui c´é qualcosa che non mi convince” spiegò la
fata.



In quella, Cosmo notò una
bancherella di dolci e corse ad ingozzarsi, mentre la sua consorte
notò invece una placca commemorativa appesa al muro.



Incuriosita, Wanda andò a
vederla più da vicino e vide che sopra c´era scritto “In ricordo
di Pinocchio e Lucignolo, i nostri 2 ospiti più celebri”.



Sgranando gli occhi, Wanda capì
tutto e disse “Dobbiamo trovare Timmy e Chloe. Non sanno di essere
in pericolo”.


Prima
però, posso andare in bagno? C´erano delle gelatine alla prugna
micidiali su quella bancarella” le chiese Cosmo.








Timmy e Chloe avevano appena
finito un giro sulle giostre, quando Wanda apparve davanti a loro,
dicendo “Ragazzi, dobbiamo andarcene subito. Questo posto é il
Paese dei Balocchi”.


Lo
stesso del libro di Pinocchio!” esclamò Chloe.


E
allora? Che problema c´é?” domandò sorpreso Timmy.


Non
ti ricordi cosa succede a chi rimane in questo posto troppo a lungo?”
gli chiese agitata Chloe.



Timmy stava per rispondere di no,
quando improvvisamente lui e la sua amica si ritrovarono trasformati
in 2 asinelli.


Ecco
cosa” rispose Wanda.


Presto
Wanda, desidero che io e Timmy ritorniamo normali” ordinò Chloe.



Ma proprio quando la fata stava
per realizzare il desiderio, un retino automatizzato calò su di lei,
facendole perdere i poteri.



E da dietro un baraccone, l´omino
sbucò fuori dicendo “Avevo preparato questa trappola per una
seccatrice dai capelli blu, ma andrà bene anche per una coi capelli
rosa”.


Maledetto
imbroglione. Facci tornare subito normali” ragliò Timmy.


Non
capisco una parola di quello che dici e comunque, non me ne importa
nulla” ghignò l´omino.


Venderemo
cara la pelle” disse Chloe, cercando di assumere una posa da
combattimento.


Ah,
ma allora volete la guerra” ghignò l´omino che, contratti i
muscoli, si trasformò in un omaccio muscoloso.


Oh-oh!”
gemette Chloe.


Diamocela
a gambe” esortò Timmy, galoppando via, seguito sia da Chloe che
dall´omaccio.


Trovate
Cosmo: lui vi farà tornare normali” gridò Wanda.








In cerca di un nascondiglio,
Timmy e Chloe si rifugiarono nella casa degli specchi; ma l´omaccio
era sempre alle loro calcagna e li seguì.



Una volta dentro, i 2 ragazzini
cercarono di confondere il loro inseguitore usando le loro immagini
riflesse, ma questi disse “Non ci casco. Conosco questo posto come
le mie tasche”.


Vieni
a prenderci, allora” lo sfidò l´immagine di Chloe davanti a lui.


Trucco
vecchio” disse l´omaccio lanciandosi invece sull´immagine dietro di
lui...andando così a sbattere contro uno specchio.



Approfittando di quei pochi
secondi di smarrimento del nemico, Timmy calciò uno degli specchi,
facendolo crollare addosso all´omaccio stordendolo, per poi fuggire
insieme a Chloe.








Wanda era intrappolata sotto il
retino da alcuni minuti, quando Cosmo la raggiunse.


Ehi,
che mi sono perso?” chiese lui.


Oh,
Cosmo. Timmy e Chloe sono diventati 2 asini...” iniziò a spiegare
Wanda.


Cosa?
Me lo sarei aspettato da Timmy, ma non da una bambina studiosa come
Chloe” esclamò sorpreso Cosmo.


Intendevo
dire che sono diventati 2 asini a causa di un incantesimo e adesso tu
devi trovarli, per farli tornare alla normalità” sbraitò Wanda.


Ah,
ho capito. Lo farò subito...dopo essere tornato in bagno” promise
Cosmo, premendosi la pancia, per poi sfrecciare via.








Timmy e Chloe stavano correndo a
perdifiato, quando vennero raggiunti dall´omaccio.


Sei
mio” disse lui, quando era ormai vicino a Timmy.


Giù
le mani dal mio amico” intimò Chloe, che, calciando una leva, mise
in funzione una giostra rotante, che colpì in pieno l´omaccio con
uno dei suoi sellini, scagliandolo lontano.


Grazie,
Chloe” disse Timmy, mentre si rimetteva a correre.








Ancora bloccata sotto il retino,
Wanda stava volando in cerchio da diverso tempo, quando vide Cosmo
arrivare di corsa.


Allora,
li hai trovati?” chiese preoccupata.


Non
ancora. Certo però che qualche indicazione per le toilette potevano
metterla” brontolò Cosmo.


Cosmo,
io stavo parlando di Timmy e Chloe” sbraitò Wanda.



Notando lo sguardo inferocito
della sua consorte, Cosmo indietreggiò assicurando “Ah, già. Vado
subito a cercarli (Proot). Beh, magari non subito”.








Sfinito per il continuo correre,
Timmy si fermò dicendo “Io non ce la faccio più”.


Allora
contrattaccheremo” stabilì risoluta Chloe, notando una corda per
saltare, che giaceva abbandonata sulla strada.



In quella, l´omaccio arrivò di
corsa, ma Timmy e Chloe, anziché fuggire, afferrarono i manici della
corda coi denti e gli corsero incontro, per poi girargli intorno
ripetutamente, legandolo come un salame.



E mentre l´omaccio cercava di
liberarsi, i 2 ragazzini gli sferrarono contemporaneamente un
violento calcio nel sedere.


Se
non riuscirò a vendervi, userò la vostra pelle per fare un tamburo”
giurò l´omaccio, mentre i 2 asinelli si allontanavano.








Tenendosi le mani sulla pancia,
Cosmo si stava muovendo fra i vari baracconi.



Ad un certo punto, il padrino
fatato scorse nuovamente il retino sotto cui era bloccata la moglie;
pertanto, Cosmo si nascose dietro un cespuglio, riflettendo “Meglio
che Wanda non sappia che non ho ancora trovato Timmy e Chloe”.


Guarda
che ti sento” lo avvertì Wanda.


Come
fai a sentire i miei pensieri?” domandò sorpreso lui.


Stavi
parlando a voce alta, idiota” rispose lei.



(NDA: mi rendo conto che questa
scena avrebbe funzionato meglio in forma visiva che scritta).








Sempre in fuga, Timmy e Chloe
raggiunsero le montagne russe del parco.



Fortunatamente, i 2 ragazzini
trovarono un trenino già pronto, che partì non appena ci salirono
sopra.


Uff,
finalmente abbiamo seminato quel tipo” sospirò Timmy.


Non
credo” lo corresse Chloe, indicando un secondo trenino che
sfrecciava sui binari, su cui c´era l´omaccio.


Non
mi sfuggirete” giurò lui, nel momento esatto in cui i 2 trenini
prendevano velocità.



Rannicchiandosi nel vagone, Timmy
e Chloe riuscirono a non essere sbalzati fuori dal trenino, mentre il
veicolo affrontava a gran velocità una salita, seguite da una lunga
serie di parabole.


Ehi,
se non fossimo in pericolo, direi che quest´esperienza é divertente”
ammise Timmy.



Ma proprio quando i 2 trenini
affrontarono l´ultima parabola, l´omaccio, il cui trenino era in
alto, riuscì a balzare su quello dei ragazzini, che stava in basso.


Oh,
no!” gemette Timmy.


Presto,
Timmy. Aiutami a sganciare i vagoni” lo esortò Chloe, mentre
armeggiava col perno che collegava i vagoni alla motrice.



Timmy fece quel che gli era stato
detto, ma a causa degli zoccoli che avevano al posto delle mani, i 2
ragazzini non riuscirono nel loro intento.


Finalmente
vi ho presi” ghignò l´omaccio, quando era a pochi metri dalle sue
prede.



Ma proprio in quel momento, da
uno dei vagoni uscì una zaffata di odore pestilenziale, che mise KO
l´energumeno.


Ehi,
non si può avere un po´ di privacy?” domandò infastidito Cosmo,
mentre sbucava fuori dal vagone.


Cosmo!
Ci hai salvati” gioirono i 2 ragazzini.


Oh,
2 asini parlanti. Il che mi ricorda qualcosa che dovevo fare”
rifletté il padrino fatato, massaggiandosi il mento.


Cosmo,
siamo Timmy e Chloe. E devi farci tornare normali” spiegò
concitata la ragazzina.


Ed
anche in fretta” esortò Timmy, notando che il percorso delle
montagne russe era incompleto e che, di conseguenza, il trenino si
sarebbe sfracellato al suolo.


Desiderò
che tu faccia tornare me e Timmy normali e che ci riporti subito a
casa” disse Chloe.



Alzando la sua bacchetta magica,
Cosmo ritrasformò Timmy e Chloe in 2 esseri umani, per poi
trasportarli nel giardino di casa Turner.



Contemporaneamente, l´omaccio si
riprese e vide che di lì a pochi secondi, il trenino su cui
viaggiava sarebbe precipitato da un´altezza di parecchi metri.


Mi
sembrava che alcune attrazioni non fossero ancora a norma” brontolò
l´omaccio, mentre il veicolo compiva il gran balzo.





É
bello essere di nuovo casa e sopratutto, essere nuovamente umano”
gioì Timmy, massaggiandosi le braccia.


Si,
ma mi sembra di aver dimenticato qualcosa” notò Cosmo.


Abbiamo
dimenticato Wanda nel Paese dei Balocchi -realizzò Chloe- Ma con un
semplice desiderio...”.



Ma Cosmo le mise una mano sulla
bocca, dicendole “Non giudicate duramente un povero marito che
vuole un po´ di tempo per sé stesso.”



Ma proprio in quel momento,
sputando pezzi di retino dalla bocca, un´infuriata Wanda comparve
alle spalle del marito, dicendo “Sono qui. Mi sono liberata dal
retino a forza di morsi”.


Un
ottimo uso della tua bocca” si lasciò sfuggire Cosmo.



Wanda stava per incenerire il
marito con un fulmine, ma l´arrivo del furgone dello zoo costrinse i
2 padrini fatati ad assumere la loro forma di scoiattoli.



A bordo del veicolo c´era il
direttore dello zoo, che chiese “Chloe, potresti occuparti delle
nostre tigri bianche per un altro po´ di tempo? Sono molto irrequiete
e solo tu riesci a calmarle”.


Temo
che non sia possibile, perché nei prossimi giorni devo occuparmi di
diverse specie erbivore” gli rispose Chloe.


Veramente,
un posticino dove lasciarli lo conosciamo” intervenne Timmy,
sorridendo furbescamente.








Strisciando carponi dopo la
caduta, l´omaccio raggiunse l´entrata del paese dei Balocchi, dove
riassunse le sue sembianze paffute.



Proprio in quel momento, il
furgone dello zoo parcheggio a pochi metri da lui e da uno dei
finestrini si affacciò il direttore, che gli chiese “Mi scusi, é
qui che possiamo lasciare i nostri ragazzi per un paio di giorni?”.


Certamente”
rispose l´omino, sfoderando un sorriso a 32 denti.


Benissimo”
disse allora il direttore, mentre dal retro del furgone saltavano
fuori una mezza dozzina di tigri bianche.


Oh,
no!” gemette l´omino, notando che i felini si leccavano le labbra,
dopo aver posato lo sguardo su di lui.



A questo punto, c´é una
dissolvenza, seguita dall´apparizione dell´omino, che fugge
inseguito dalle tigri bianche, mentre urla “Basta! Chiudo
l´attività e mi trasferisco a Timbuctù”.







FINE

     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.