FanFiction Gintama | FULL MOON di lady_hachiko | FanFiction Zone

 

  FULL MOON

         

 

  

  

  

  

FULL MOON ●●●●● (Letta 550 volte)

di lady_hachiko 

1 capitolo (in corso) - 1 commento - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaGintama

Genere:

Romantico - Altro

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Capitolo 1 

Una GINXHIJIKATA. Bho...non doveva essere così. Doveva contenere delle battute divertenti e avere un senso, doveva seguire una logica. Non è stato così. Alla fine è questo che mi è uscito. Qualche problema, bastardo?


  

FULL MOON



Buio.

Perché mi trovo in questo buio? Dove sono? Fin’ora non ho fatto altro che seguire l’uomo davanti a me senza preoccuparmi di nulla…solo adesso mi rendo conto di non sapere né dove sono, né cosa diavolo sto facendo.

Una missione, un casino, una passeggiata, un inseguimento: non lo so. Ma sto bene.

Ehi, la mia mano…è stretta alla sua? Perché? Non mi interessa.

L’uomo davanti a me mi dice qualcosa, che bella voce…chi è? Ah sì, è lui.

Il mio kimono è macchiato di sangue e mi fa male un piede. La testa mi gira e sento freddo: tremo.

L’uomo si ferma, si gira, si toglie la giacca, me la mette sulle spalle, mi invita a sedermi.

Il terreno è umido, tremo di nuovo. Lui mi stringe a se: il suo petto è così sicuro, il suo tocco così dolce, il suo respiro così caldo…

Mi abbandono. Con il corpo tremante, non più per il freddo, mi avvicino ancora di più all’uomo che mi bacia teneramente il collo e mi imprigiona nella sua stretta.

Non so quanto tempo siamo stati così, quando ho riaperto gli occhi era ancora buio, ero sdraiato a terra, di fianco a lui, che dormiva con una mano incatenata alla mia e l’altra sull’elsa della spada.

Il piede mi faceva ancora male e venni scosso da una scarica di dolore, mi mossi e lui si svegliò. Gli occhi, che brillavano più della luna che ci spiava, si aprirono di scatto, estrasse la spada. Mi strinse ancora di più. Forte. Forte.

Con gli occhi ancora sbarrati osservò attento intorno, fino a quando il suo sguardo non si posò su di me: umido.

La terra sotto di noi? L’erba? No, era la sua lingua. Ora sul mio orecchio, il collo, la bocca: umido.

Il suoi capelli, neri e lisci come la seta, si confondevano nella notte e mi sembrava di aggrapparmi a un’ombra. Il suo tocco, curioso e delicato, mi faceva impazzire.

I nostri profumi si confondevano, la nostra saliva si mischiava, i nostri petti ormai nudi si toccavano. Da peccatore, stavo piacevolmente annegando nella passione e le tenebre che ci avvolgevano provavano terrore davanti all’estasi di quel momento.

Il mio cuore batteva impazzito e il mio corpo desiderava di più, desiderava tutto di lui e si abbandonava a quell’amore carnale, umido e totale.

La luna, invidiosa, si nascondeva dietro alle nuvole, sapendo che mai sarebbe stata così piena e luminosa.







     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.