FanFiction Hello Spank | Another Day Is Gone di AkagiSan | FanFiction Zone

 

  Another Day Is Gone

         

 

  

  

  

  

Another Day Is Gone   (Letta 476 volte)

di AkagiSan 

2 capitoli (in corso) - 0 commenti - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaHello Spank

Genere:

Drammatico - Romantico

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 1:Prologue:You're always in my heart 

La vita mette a dura prova le resistenze e la forza di una persona..Aiko ritorna nel luogo dove vi sono i suoi ricordi più importanti e cercherà di superare un'altra prova dura he il destino le ha messo a dispozione.


  

Another Day Is Gone



Akagi-San



(betatura di Selhin)











Prologue:You're always in my heart











“Se riuscirò ad aprire



Un angolo nuovo



Nel cuore di un uomo



Per lui



Non sarò vissuto invano”



Khalil Gibran















24 Giugno 1986,



Giappone







La voce metallica a bordo del treno annuncia che è giunto a destinazione e tutte le persone che vi sono dentro si accalcano per poter uscire. C'è gente di ogni tipo e colore,con variegati stati d'animo:felici, trepidanti, mentre qualcuno appare impaziente o scocciato.



Intanto che la gente scende dal treno vedo che quasi tutti hanno qualcuno ad attenderlo:un signore bruno fa cenno ad una ragazzina la quale gli va incontro e lo abbraccia,probabilmente è la figlia.



Bene o male le persone dentro al treno hanno viaggiato sapendo che qualcuno sarebbe venuto ad aspettarle,mentre io non ho nessuno che mi attenda.



Pensando ciò non mi rendo conto di essere ancora sul treno,presa dal mio stato di apatia. Mi affretto a scendere e guardandomi intorno mi rendo conto che nulla di questo posto è cambiato: questo è il luogo dove ho vissuto un anno della mia vita.



Fuori dalla stazione mi reco in un posto a me molto caro,il luogo dove sono avvenuti i fatti più importanti della mia adolescenza.



E' vero,ho vissuto solo per un anno qui, ma il susseguirsi di eventi ha cambiato il corso della mia esistenza.



E' qui dove ti ho incontrato.



Sento un rumore strano provenire dal mio zaino, come un raspare di zampe, e so perfettamente che il mio cane si è intrufolato lì dentro per farmi compagnia in questo viaggio clandestino. Magari poco tempo fa mi sarei arrabbiata e lo avrei rimproverato, ma ora non riesco a reagire.



Oramai del resto della mia vita non me ne importa più nulla.



Spank mi guarda con quel muso buffo tentando in tutti i modi di farmi sorridere ma non ci riesce,dopo poco piega la testa sconsolato e triste.



Sa che la sua padroncina non tornerà più la persona di prima.



Sono scappata via di casa e sono nel luogo dove vive mio zio e la sua governante, ma non sono venuta qui per andare a trovarli. Nessuno è a conoscenza di questo mio viaggio,neppure mia mamma. Sono certa che tutti saranno in pensiero ma ho una cosa importante da fare qui.



Vago per le strade della cittadina affianco al mio cane per poter ritrovare quella spiaggia depositaria dei miei ricordi più preziosi,oramai impressa nella mia mente e nel cuore nonostante siano passati quattro anni dall'ultima volta che l'ho vista.



Ed infatti la mia memoria non mi ha ingannato: eccola lì,la mia spiaggia,bella come non mai, circondata da piccole dune mentre il sole del tramonto incornicia con i suoi spiragli color oro scuro il panorama. Mi ricorda il colore dei tuoi capelli.



Non riesco ancora a credere e mai crederò che tu te ne sia andato,sarebbe una di quelle cose troppo assurde.



Fino a due giorni fa sentivo la tua voce e tenevo a mente la tua promessa di finire il conservatorio e sposarmi.



Non è vero che tu non ci sei più.



Sono venuta qui perché non credo a ciò che dice Serina,la mamma ed i giornali.



Sarebbe la più grande presa in giro che la vita mi ha dato dopo la morte di papà.



Mi siedo sulla battigia e vedo Spank assumere un'espressione vicina al pianto.



Rammenti che il cane me lo regalasti tu?



Non puoi essertene andato per una malattia del genere. Fino a due giorni fa la tua voce era calma e dolce come sempre,se tu fossi stato



male me lo avresti detto,vero?



Spank sta per piangere ed io gli dico di smetterla perché sono certa che tu non sia morto, ma mentre dico ciò non mi rendo conto di essere stata dura,quindi il cagnolino fugge via in lacrime.



Vorrei corrergli dietro ma sento che la mia apatia mi sta divorando dentro, come una bestia feroce.



Tremo per il freddo mentre passano le ore e tu non ti fai vivo,le cose allora stanno davvero così.



Urlo al cielo e alla luna sperando che tu possa sentirmi:perché non mi hai detto come stavano le cose?



Non mi hai parlato della tua malattia per proteggermi, o per egoismo?



Non lo hai detto nemmeno ai tuoi genitori di stare così male,perché?



Per la prima volta dopo due giorni qualcosa dentro di me scoppia ed è come se la patina di apatia si fosse sciolta in pochi attimi.



Calde lacrime sgorgano dentro dai miei occhi mentre i ricordi si fanno strada dentro di me…



Eccomi qui con una fic su un vecchio anime che mi è rimasto nel cuore,lo scopo della mia fic è quello di dare una conclusione alla storia d'amore di Rei ed Aiko visto che nel cartone dopo poco lui sparisce e parte per Viennaspero vi possa piacere,ringrazio in anticipo chi leggerà.



Ringrazio in modo particolare Selhin che mi ha dato la forza ed il coraggio di attuare questo progettoche mi sta a molto a cuore,grazie di cuore cara.



Alla prossima.^^



     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.