FanFiction Negima | Wild Master di Ali_Di_Piume | FanFiction Zone

 

  Wild Master

         

 

  

  

  

  

Wild Master   (Letta 497 volte)

di Ali_Di_Piume 

2 capitoli (in corso) - 0 commenti - 0 seguaci - Per tutti

    

 

Sezione:

Anime e MangaNegima

Genere:

Azione - Horror

Annotazioni:

Nessuna

Protagonisti:

Non indicati

Coppie:

Non indicate

 

 

              

  


  

 Prologo 

Dei 10 grandi Master tra i Vampiri non ne restano che 5...ma il Wild Master è convinto che in realtà ce ne sia un'altra...e per ritrovarla è disposto a tutto.


  

Ed ecco la mia prima ff su Negima!!!! la treama di questa ficcy mi ronzava in testa da un pò e alla fine ho dovuto sloggiarla dai miei pensieri per fare un pò di spazio (che già è limitato!) e mi sono decisa a scriverla!



Luoghi: Istituto Mahora, of course!

Tempi: tra il volume 8 e 9, dirrei...dopo l'arrivo di Kotaro ma prima del Festival!







Nessuno fermerà la mia ferocia,

nessuno fermerà la mia volontà.

Io non ho paura,

perché essa alberga

solo nel cuore di chi ha paura,

e io, ormai, non ho più illusioni.





Notte.

La stelle brillavano, ma la loro luce era eclissata da quella della luna, piena a tre quarti.

Freddo.

Un refolo di vento spezzò l’incantesimo delle tenebre, e un’ombra si levò al di sopra degli alberi.

Il suoi occhi color sangue erano fissi su una figuretta che percorreva la strada costeggiata dagli alti alberi nel cui fogliame si era prima nascosto.

Il vento prese a soffiare con forza, schiaffeggiandogli il viso con i lunghi e serafici capelli, simili a sinuose onde color argento in quella magica atmosfera.

Il giovane però non ne era nemmeno consapevole: tutti i suoi sensi erano protesi al massimo verso la ragazza che correva sotto di lui, il fine olfatto che cercava di captare il suo odore nonostante le folate di vento contrarie, che sembravano accanirsi contro di lui.

“È opera tua, Wind Master? È inutile, tanto nessuno mi fermerà.” pensò, sicuro di sé.

E in quel momento lo sentì.

Magia.

“Ottimo! È davvero lei!” pensò gongolante il giovane, sorridendo tanto da mostrare i lunghi e aguzzi canini.

Aveva bisogno di quella ragazza: il suo sangue lo avrebbe nutrito, e la sua magia reso più forte.

“È ora della caccia…”

Il vampiro stese al massimo le ali nere sulla sua schiena e si lanciò in picchiata sulla studentessa, senza darle il tempo di rendersi contro della situazione e di reagire: sapeva di essere molto forte, ma era meglio essere previdenti con i maghi…anche se in realtà non credeva che quella novellina inesperta potesse arrecargli poco più che qualche graffio.

In un attimo le fu sopra e la abbracciò da dietro, avvolgendola nelle sue ampie ali da pipistrello per bloccarla.

L’aggressore sollevò il labbro in un sorriso crudele e sfoderò i micidiali canini, piantandoli nel collo della giovane. Subito il sangue sgorgò copioso e lui lo bevve con avidità, mordendo sempre più in profondità nella carne della sua preda.

Era troppo tempo che non si nutriva: sentì le forze tornargli e il potere della ragazza fluire in lui assieme al nettare vitale, aumentando ancora di più la magia di cui io vampiro già disponeva.

La ragazza aveva smesso di dimenarsi dopo poco, e si limitava ad emettere deboli gemiti, finché l’altro non si sentì sazio e si staccò da lei, lasciandola poi cadere a terra, svenuta.

Il vampiro si leccò le labbra, felicemente satollo, e poi si levò in volo verso il suo rifugio, senza degnare neanche di uno sguardo la figura che giaceva esanime sul selciato.







     


                     





E' possibile inserire un nuovo commento solo dopo aver effettuato il Login al sito.